permesso

Martedì, al nostro prossimo incontro ancora online, di facciamo pace, laboratorio di inmunosuficienza psicologica, parleremo di libertà, di responsabilità e di chi può o deve darci il permesso di fare quello che vogliamo.

Perchè, alla fine, diritti e doveri stabiliscono solo il contesto in cui tutti possiamo muoverci, uno scenario comune di leggi dell’uomo, in cui poi, ognuno di noi deve trovare o creare la propria strada.

Il fatto è che ci hano insegnato che dobbiamo chiedere permesso per tutto, tranne che per nascere, quello ci viene imposto, ma… da lì in avanti, siamo piccoli schiavi che hanno rinunciato alla propria libertà in cambio dell’appartenenza ad un gruppo che si prende dura di noi.

O, almeno, così era fino a qualche tempo fa, lascio a voi la scelta della quantità di tempo. Ultimamente le istituzioni di questo gruppo stanno perdendo la loro efficacia e con essa il loro potere su di noi, non ci sono più le ricompense per i sacrifici, perciò molti abbiamo deciso che non ci stiamo più.

Adesso non chiediamo più il permesso per respirare, per pensare o per amare. Per scegliere quello che più ci conviene nè per creare qualcosa di nuovo se non esiste quel che vogliamo. Nel rispetto delle leggi dell’Universo, quello si, perchè quelle sono ancora funzionali, anche se, di questi tempi, poco note alla maggioranza.

Il mio invito possitivo di oggi è proprio a darci il permesso, di pensare con la nostra testa, di decidere cosa vogliamo e di rinunciare a quello che non vogliamo più, chiaramente, accettando tutta la responsabilità delle nostre azioni, e rispettando gli altri. Vi va?

p.s. se volete partecipare all’incontro, ci vediamo martedì alle 20.30 su zoom.

2 Comments

  1. Leonela

    Bellissimo incontro!! Grazie per averci portato a riflettere su un tema del genere in tempo di “restrizioni”. Alla prossima

    Reply
    • amorben

      Grazie a te, alla prossima!

      Reply

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Quelli che riconoscono che i problemi fanno parte della condizione umana, e che non misurano la felicità dall'assenza di problemi, sono gli esseri più intelligenti che si conoscano, e sono anche i più rari.

Dr. Wayne W. DyerDr. Wayne W. DyerLe tue zone erronee

 

contenitore e contenuto

contenitore e contenuto

Dicono che c’era una volta un uomo molto ricco che chiese al monastero del suo paese una funzione religiosa per conmemorare la morte del padre avvenuta l'anno prima. Disse che, siccome la sua famiglia era notevole e molto generosa, volevano che fosse ufficiata dal...

Gli ordini dell’aiuto (2007)

Gli ordini dell’aiuto (2007)

Questa settimana, ho letto Gli ordini dell’aiuto di Bert Hellinger. Un libro che  parla dell’aiuto, dal punto di vista sistemico, e delle regole per aiutare con  il metodo delle Costellazioni Familiari e connettendosi con il sistema, con la coscienza collettiva, per integrare gli aspetti e i personaggi ignorati in ogni situazione.

Hereafter (2010)

Hereafter (2010)

Questa settimana ho guardato Hereafter, un film diretto da Clint Eastwood e protagonizzato, tra altri, da un grandioso Matt Damon. Un film sulla vita e la morte, sulla linea sottile che le separa, sulle persone che possono attraversarla, con esperienze premorte o sentendo delle voci dall’altro lato.