parliamo di fiducia

Oggi voglio parlarvi di un’altro argomento che credo sia sopravaluttato: la fiducia. Ci sono decine di articoli su riviste e blog, libri, film, telefilm e altre  informazioni su come capire quando una persona sta mentendo, su come leggere il suo linguaggio metaverbale e non verbale per vedere se  possiamo fidarci o meno.  

 Ed io spesso mi chiedo se sia così importante fidarsi o non fidarsi, in ogni caso, o solo in alcuni. La fiducia dipende dal legame che abbiamo con gli altri, da quanto consideriamo di dipendere da loro. Si sa, il detto popolare recita “fidarsi è bene, non fidarsi è meglio…”

Nell’immagine sopra il bambino è piccolo e si butta tra le braccia del uomo perchè si fida di lui. Sa che sarà lì per lui e non si toglierà lasciandolo cadere. Crescendo, salterà da alcune altezze senza aiuto, perchè svilupperà una fiducia in se stesso. Si butterà con l’unico aiuto delle sue capacità per cadere in piedi.

Quando qualcuno mi dice di non poter fidarsi in amore, o al lavoro, chiedo sempre quanta dipendenza ci sia nei confronti della persona amata o del datore di lavoro, cliente, fornitore. Quanto ci sentiamo la parte più debole del legame, senza alternative. E penso sempre che sia più importante lavorare sul rinforzarci di quanto possa essere investire tempo nel capire se possiamo fidarci dell’altro.

Che ne pensate? Vi sembra abbia una logica? Aspetto i vostri commenti…

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

È più sicuro cercare nel labirinto che rimanere in una situazione senza formaggio

 

andata e ritorno

andata e ritorno

Ieri sera, al nostro incontro online di facciamo pace, laboratorio di inmunosuficienza psicologica, come promesso, abbiamo parlato della dualità e di come gestirla, e abbiamo parlato di come si può appliccare il concetto al doppio percorso della scuola della vita.

l’aureola troppo stretta

l’aureola troppo stretta

Dicono che c’era una volta un saggio insegnante di filosofia, ammirato da tutti i suoi allievi perchè non insegnava solo la storia dei filosofi, ma anche a pensare. Un giorno, quando arrivò in classe i ragazzi erano particolarmente agitati per una frase letta nel bigliettino di un biscotto della fortuna.

Il talento del calabrone (2020)

Il talento del calabrone (2020)

Questa settimana, mi sono guardata Il talento del calabrone, su primevideo, con Sergio Castellitto, Lorenzo Richelmy, e Anna Foglietta. Una storia un po’ all’americana, ho letto da qualche parte, molto avvincente e con finale a sorpresa.