paradossi

I paradossi, secondo wikipedia,  sono fatti che contraddicono l’opinione comune o l’esperienza quotidiana, la logica, la razionalità, che porta a una contraddizione, a qualcosa che non riusciamo a comprendere, o a capire, che ci mette in difficoltà.

 Quando incontriamo un paradosso, la tendenza più comune è quella di ignorarlo. A volte ignoriamo la parte di informazione che contraddice il resto. Per esempio, se ci dicono che Gandhi era tormentato dal sesso e che obbligava la sua nipote a dormire nuda con lui per allenare la resistenza. È facile che ignoriamo questo aspetto (o persino lo diamo per falso) e continuiamo a pensare a lui solo nei suoi aspetti più noti e ammirabili.

Altre volte ignoriamo l’intera facenda, decidiamo che l’argomento in cui si è presentata la contraddizione non ci interessa più. Per esempio, quando stiamo parlando di un argomento nuovo, come l’omeopatia o altre medicine alternative e, ad un certo punto, troviamo qualche concetto che va completamente cotro tutto il resto di quello su cui è basata la nostra medicina tradizionale occidentale. La reazione più diffusa è cancellare tutta la nuova medicina per quell’unico aspetto.

Il fatto è che questi paradossi sono porte che si potrebbero aprire verso una conoscenza, una sapienza, più estesa, capace di contenere sia il precedente che il nuovo. Come quando, all’inizio, ci sembra impossibile memorizzare dei concetti (come la matematica) o delle tecniche (come guidare la macchina) che. crescendo e allenandoci, diventano semplici e automatiche.

Il paradosso mette in evidenza la non assolutezza, la limitazione, del pensiero anteriore, la sua ostinazione. Coloro che riescono a superare questa ostinazione hanno più risorse di coloro che arrettrano, e perciò diventano più forti. Proviamo? Vi va?

Cosa pensate? Siete d’accordo con questa riflessione? Aspetto i vostri commenti… 

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Secondo accordo: Non prendere nulla in modo personale. Anche al centro dell’inferno, sperimenterete pace interiore e felicità. Starete nella vostra beatitudine e l’inferno non potrà toccarvi.

Don Miguel RuizDon Miguel RuizI Quattro Accordi

 

l’arte di pensare chiaro (2014)

l’arte di pensare chiaro (2014)

Oggi voglio parlarvi di nuovo di un libro di Robin Sharma, Il club delle cinque del mattino, un romanzo meraviglioso che parla del tempo che molti sentiamo che non è mai abbastanza, per fare tutto quello che vogliamo e per farlo bene, di dove trovarlo, e di come sfruttarlo al meglio.

l’erba cattiva (2018)

l’erba cattiva (2018)

Anche questa settimana, e sempre per caso su Nextflix, ho visto un film molto simpatico, questa volta con Eddie Murphy, Immagina che, una bellissima storia su uno di quei padri troppo impegnati con il lavoro per prestare attenzione ai figli.

giocatori PRO

giocatori PRO

Ieri, al nostro incontro, ancora online, di facciamo pace, laboratorio di inmunosuficienza psicologica, abbiamo parlato, come promesso, delle diverse parti di noi e di una tecnica per riconoscerle, per integrarle, ma soprattutto abbiamo parlato del perchè stiamo facendo questi incontri, per diventare dei giocatori livello P.R.O. di questo gioco che è la vita.