nuotare

Dicono che c’era una volta un dotto professore, uno dei luminari più importanti del mondo, che veniva spesso invitato a tenere lezioni in tante università e circoli, era stato persino candidato al premio Nobel.

Un giorno il professore giunse sulle rive di un lago e chiese ad un barcaiolo di portarlo a fare un giro su quel bel lago con la sua barca. Il brav’uomo accettò e quando furono lontani dalla riva il professore cominciò a interrogarlo:
    – Nella tua vita, hai studiato la storia?
    – No… – rispose sereno il barcaiolo.
    – Allora un quarto della tua vita è perduto! – lo ammonì il professore.

– Conosci l’astronomia?
    – No…
    – Allora due quarti della tua vita sono perduti! – disse senza nessun ritegno.

– Conosci la filosofia?
    – No…
    – Allora tre quarti della tua vita sono perduti! – sentenziò ancora con tono sprezzante

All’improvviso prese a infuriare una tremenda tempesta.

La barchetta venne sballottata come un guscio di noce in mezzo al lago e si ruppe a metà. Gridando sopra il ruggito del vento, il saggio barcaiolo prese per mano il professore e gli chiese:

– Professore, sa nuotare?!
    – No! Non ho avuto tempo per imparare, stavo studiando cose molto più importanti – rispose ancora pieno di orgoglio.

– Allora temo che, se non ci fossi io qui per salvarla e portarla sulle mie spalle, tutta la sua vita sarebbe perduta!

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Vecchie convinzioni non ti portano a nuovo formaggio

 

I lunedì al sole (2002)

I lunedì al sole (2002)

Questa settimana, in questo clima di desunione che sembra stia toccando picchi molto forti, mi sono guardata I lunedì al sole, un film spagnolo che parla di un paese distrutto da una crisi economica settoriale.

chiusi dentro

chiusi dentro

La settimana prossima, all’incontro di facciamo pace, laboratorio di inmunosuficienza psicologica, per la prima volta online, parleremo di come ci fa sentire questo clima di chiusura, física e mentale che ci sta avvolgendo sempre di più.

si salvi chi può

si salvi chi può

In questi giorni di DCPM e misure anti COVID, di gente che ci crede e gente che continua a fare domande, in cui tanti accusano gli altri di essere i colpevoli di questa situazione, l’unica cosa chiara che riesco a tratte è che siamo al “si salvi chi può”.