Nel castello interiore (2015)

C‘era ancora un libro di Caroline Myss che non trovavo, Nel Castello Interiore. La via che ti porta a dio e rivela lo scopo della tua anima. Finalmente sono riuscita a trovarlo nel formatto che piace a me e ve ne parlo perchè l’ho adorato fin dalle prime pagine.

Come nei suoi altri libri, ci parla di noi da un’altro punto di vista, più energetico, più spirituale, di paradigmi, metafore e archetipi che ci guidano nella nostra vita e che, spesso ci limitano, per come ce li hanno raccontati.

Infatti, lei, con un’osservazione da un punto di vista molto diverso, uscendo da tutto quello che ci circonda e ci condiziona, ci mostra un’altro mondo possibile. Ci fa notare come la nostra dipendenza dalla mente per capire e per avere contatti con il mondo, ci limiti e ci impedisca di avere rapporti con lo spirituale e con il divino.

Dice che, spesso, chiediamo al divino cose materiali e che quando riceviamo le risposte, dal momento che sono spirituali, e la mente non può comprenderle, finiamo per dedurre che non ci sia stata risposta. Solo l’anima potrebbe capirle, ma non la conosciamo, la mente l’ha sempre ignorata.

Questo libro è un invito e una guida di viaggio per conoscere la nostra anima, come se fosse un castello, con delle dimore e delle stanze, con degli esercizi per conoscerci meglio. Partendo dagli scritti dei mistici medioevali, aggiornata e adattata per aiutarci a diventare mistici senza monasterio, nel mondo in cui viviamo oggi.

L’avete letto? Vi è piaciuto? Raccontatemi la vostra esperienza con il libro… vi va?

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Terzo accordo: Non supporre nulla. Il modo per evitare di fare supposizioni è quello di fare domande. Assicuratevi che la comunicazione sia chiara. Se non capite, chiedete.

Don Miguel RuizDon Miguel RuizI Quattro Accordi

 

flow (1990)

flow (1990)

Ieri mi è arrivato un email che diceva che, finalmente, si può leggere uno dei miei libri preferiti sugli argomenti di cui parliamo normalmente anche in italiano. Sto parlando di Flow di Mihály Csíkszentmihályi, che io ho letto più di vent’anni fa ma di cui ancora non avevo potuto parlarvi.

la gente che e la gente quando

la gente che e la gente quando

Ieri, al nostro incontro, ancora online, di facciamo pace, laboratorio di inmunosuficienza psicologica, abbiamo parlato, come promesso, delle diverse parti di noi e di una tecnica per riconoscerle, per integrarle, ma soprattutto abbiamo parlato del perchè stiamo facendo questi incontri, per diventare dei giocatori livello P.R.O. di questo gioco che è la vita.

la trappola della vittima

la trappola della vittima

Abbiamo parlato molte volte dell’analisi transazionale e di uno dei suoi concetti principali, l’esistenza in ognuno di noi di tre diversi tipi di personalità che riflettono i tre stati dell’io, bambino, adulto e genitore. Oggi voglio parlarvi di un’altro aspetto importante il triangolo psicodrammatico.