mediocrità

Uno degli ostacoli che dobbiamo superare se vogliamo diventare persone migliori è quello del condizionamento per la mediocrità a cui siamo sottoposti ogni giorno della nostra vita, dalla famiglia, dalla scuola, dalla tv e da chiunque incontriamo per strada. Un condizionamento inconsapevole tante volte, ma soprattutto ispirato da buone intenzioni.

A scuola, se un bambino va male in inglese e bene in matematica, cosa facciamo? Lo mandiamo a fare lezioni di inglese e gli diciamo che non serve che dedichi molto tempo alla matematica. Così tutti diventiamo minimamente bravi in tutto, mediocri. Tutti in grado di risolvere minimamente i problemi generici… e, allo stesso tempo, incapaci di seguire le nostre passioni, persino di riconoscerle e dare loro l’importanza che meritano.

Difatto, quando si dice che molti geni non hanno superato la scuola, o sono stati riffiutati molte volte prima di avere successo, spesso penso che sono riusciti a sfuggire ai macchinari della fabbrica di mediocrità. Immagino cosa sarebbe successo se Mozart avesse avuto un insegnante privato per rinforzare altre materie scolastiche e non li fosse stato permesso di dedicare tanto tempo alla musica, considerandola qualcosa di poco utile e ancora meno importante. Stessa cosa vale per Einstein, Newton, Edison (di cui arrivarono a dire che non era in grado di imparare alcunchè), e persino Bill Gates dovete abbandonare i suoi studi universitari, perchè non era come gli altri

Ma anche dopo la scuola, tutti abbiamo avuto dei momenti in cui le nostre passioni si sono fatte vive e abbiamo avuto qualcuno, una mamma, un compagno, un figlio, un amico, persino un vicino ben intenzionato… che ti dice “lascia perdere“, non vale la pena, concentrati sulle cose importanti, possibili. Rimani mediocre, rimani sicuro, rimani al tuo posto.

Ma alcuni non l’hanno fatto, non si sono arresi, come J. K. Rowling, come Nelson Mandela, come la nostra Rita Levi Motalcini (che dicono non fosse brava in scienze alle medie) o Alberto Sordi (bocciato all’Accademia dei Filodrammatici per via della sua dizione troppo marcatamente romanesca), alcuni hanno continuato ad ascoltare ciò che veniva da dentro, oltre a quello che dicevano loro da fuori… e non hanno accettato di diventare mediocri. E tu, sei mediocre? O ti rifiuti di esserlo?

Può sembrare difficile, ma possiamo provare, che ne dite?

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Qualunque cosa ti capiti nella vita, tu solo hai la facoltà di decidere come reagire. Se ti abitui a cercare in ogni situazione il lato positivo, la qualità della tua vita sarà più elevata e più ricca. Questa è una delle leggi più importanti della natura

 

l’arte di pensare chiaro (2014)

l’arte di pensare chiaro (2014)

Oggi voglio parlarvi di nuovo di un libro di Robin Sharma, Il club delle cinque del mattino, un romanzo meraviglioso che parla del tempo che molti sentiamo che non è mai abbastanza, per fare tutto quello che vogliamo e per farlo bene, di dove trovarlo, e di come sfruttarlo al meglio.

l’erba cattiva (2018)

l’erba cattiva (2018)

Anche questa settimana, e sempre per caso su Nextflix, ho visto un film francese molto simpatico, L’erba cattiva, una riflessione molto carina su come possiamo superare le difficoltà, per grosse che esse siano, con l’aiuto di qualcuno che non ha i nostri stessi problemi, anche se ha degli altri.

giocatori PRO

giocatori PRO

Ieri, al nostro incontro, ancora online, di facciamo pace, laboratorio di inmunosuficienza psicologica, abbiamo parlato, come promesso, delle diverse parti di noi e di una tecnica per riconoscerle, per integrarle, ma soprattutto abbiamo parlato del perchè stiamo facendo questi incontri, per diventare dei giocatori livello P.R.O. di questo gioco che è la vita.

l’università del traffico

l’università del traffico

La settimana scorsa, in un corso di abbondanza, per la prima volta ho sentito parlare dell’università del traffico, si diceva che era la soluzione migliore per prepararci quando si vuole cambiare la propria vita, soprattutto per il suo prezzo contenuto sia in denaro che in tempo.

la bicicletta

la bicicletta

Dicono che c’era una volta un piccolo popolo che abitava isolato in mezzo alle montagne, molto lontano da tutto e da tutti. Erano persone semplici e collegate alla terra, ai suoi ritmi e ai suoi cicli, ma avevano pochi contatti con l’esterno e pochissima tecnologia.