mamma o papà (2017)

17 Mar 22

Ogni volta che devo fare delle mediazioni familiari o lavoro con persone che hanno problemi di famiglia, con figli di mezzo, mi ricordo questo film, sempre con la Cortellesi, che trovate su Netflix, Mamma o papà, un film molto particolare sulle guerre tra genitori sulla custodia dei figli.

Una storia come tante, di genitori che non si amano più, che sono diventati solo amici e decidono di separarsi, amichevolmente, d’accordo su tutto, fino a quando hanno delle opportunitàdi lavoro a cui non vogliono rinunciare a nessun costo e decidono di fare di tutto perchè i figli vogliano stare con l’altro.

Una storia terribile in cui i due genitori gareggiano per chi è peggior genitore e chi si fa odiare di più dai figli, che rimangono abbandonati più che in nessun altro divorzio, maltrattati da entrambi i genitori e senza nessuna amorevolezza.

p.s. ho preferito la versione spagnola, se avete la possibilità, guardatevi anche quella…

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Vecchie convinzioni non ti portano a nuovo formaggio

 

auguri e buoni propositi

auguri e buoni propositi

Un altro dei ricordi che mi mancano tanto di quando ero bambina è quello degli auguri di buon anno. Oggi giorno si parla solo di buoni propositi, di obbietivi da raggiungere, di sforzi, d’impegno… come se tutto dipendesse da noi, dai nostri desideri e dalla nostra volontà.

Klaus (2019)

Klaus (2019)

Questa settimana voglio parlarvi di un film molto simpatico, Klaus: I segreti del Natale, che racconta la storia di un Santa Klaus in un modo un po’ particolare, una leggenda nata un po’ per caso, pezzo a pezzo, da una serie di situazioni particolari e piccole coincidenze.

Goool! (2013)

Goool! (2013)

Questa settimana, visto che l’Argentina ha vinto il mondiale, ho pensato di rivedere un film argentino di dieci anni fa sul calcio: Goool! una bellissima storia sull’amicizia, sullo spirito di squadra, ma soprattutto sullo sport, in cui, per giocare, servono gli avversari, di cui dicono “è più quel che ci unisce che quel che ci separa”.