lo scemo del villaggio

Dicono che c’era una volta un villaggio sperduto in cui l’attrazione turistica principale era lo scemo del villaggio, al quale i turisti e le persone del luogo, erano soliti prendere in giro, per l’ignoranza che sfoggiava del valore delle monete.

Era un uomo che aveva dovuto smettere di studiare molto prestoper aiutare sua mamma che era rimasta vedova. Non avendo studiato lo avevano sempre chiamato solo per piccole comissioni e alcune persone di buon cuore li davano ogni tanto dell’elemosina, fino a quando ebbe inizio “il gioco”.

 Qualcuno, deciso a dimostrare la sua intelligenza sminuendo quella del povero scemo, gli mostro due monete e gli disse che avrebbe avuto quella che voleva, doveva solo scegliere. Una moneta era più grande, di cinquanta cents, e l’altra era più piccola ma di maggior valore, di un euro. Lui scelse la più grande e tutti risero perchè era quella di minor valore. E così, ogni giorno la scena si ripeteva, a volte anche fino a dieci volte di fila, a volte gli offrivano anche da bere, e più beveva più fatica faceva.

Un giorno, nel gruppo di turisti c’era un ragazzo molto compasivo che, a gioco finito, rimase fino a quando ci furono solo loro due per aiutarlo, e gli chiese com’era possibile che non avesse ancora capito che la moneta che sceglieva era quella che aveva meno valore.

L’uomo abassando la voce per essere sicuro che nessuno lo sentiva disse: “grazie del tuo interesse, so di non essere una cima ma non sono neanche così scemo come sembro. Tra tutte le cose che ho fatto per soldi nella mia vita, questa è la più semplice. Scelgo la moneta di minor valore di proposito nella speranza che il gioco continui, se prendessi quella di un euro il gioco sarebbe finito.

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Quelli che riconoscono che i problemi fanno parte della condizione umana, e che non misurano la felicità dall'assenza di problemi, sono gli esseri più intelligenti che si conoscano, e sono anche i più rari.

Dr. Wayne W. DyerDr. Wayne W. DyerLe tue zone erronee

 

l’arte di pensare chiaro (2014)

l’arte di pensare chiaro (2014)

Oggi voglio parlarvi di nuovo di un libro di Robin Sharma, Il club delle cinque del mattino, un romanzo meraviglioso che parla del tempo che molti sentiamo che non è mai abbastanza, per fare tutto quello che vogliamo e per farlo bene, di dove trovarlo, e di come sfruttarlo al meglio.

l’erba cattiva (2018)

l’erba cattiva (2018)

Anche questa settimana, e sempre per caso su Nextflix, ho visto un film molto simpatico, questa volta con Eddie Murphy, Immagina che, una bellissima storia su uno di quei padri troppo impegnati con il lavoro per prestare attenzione ai figli.

giocatori PRO

giocatori PRO

Ieri, al nostro incontro, ancora online, di facciamo pace, laboratorio di inmunosuficienza psicologica, abbiamo parlato, come promesso, delle diverse parti di noi e di una tecnica per riconoscerle, per integrarle, ma soprattutto abbiamo parlato del perchè stiamo facendo questi incontri, per diventare dei giocatori livello P.R.O. di questo gioco che è la vita.