L’eleganza dell’anima (2018)

26 Nov 21

Questa settimana, ho letto un libricino giapponese molto carino, L’eleganza dell’anima. Le regole dell’armonia interiore ed esteriore, di Emiko Kato, una bellissima riflessione sull’eleganza, non solo come vestiti o gesti, ma come qualcosa di più profondo.

Un libro sull’eleganza, nella sua accezione più nobile, che coinvolge ogni atto e pensiero dell’individuo, è in grado di conquistare il favore delle persone assai più della bellezza, e su come si può acquisire e coltivare.

Un piccolo manuale di formazione, sviluppato seguendo 30 regole esenziali, che ci insegna come possiamo esprimere il garbo e la delicatezza della nostra anima nei nostri modi, di vestire, di conversare, di relazionarci con gli altri in ogni occasione della vita. 

Partendo dall’idea che l’eleganza è qualcosa di profondo, che é una forma di comunicazione tra anime, qualcosa che capiamo senza dover usare la mente, spiega come le cose superficiali, che si vedono dall’esterno, ci trasmettono messaggi per la relazione che hanno con la nostra parte più intima.

Ci spiega come l’eleganza si veda dal modo in cui guardiamo di fronte, dalla nostra capacità per vedere le cose belle, dal nostro sorriso, da quanto siamo rilassati,da come ci sediamo e da come muoviamo le gambe mentre camminiamo.

E anche da come parliamo, dal volume della nostra voce e anche dalla nostra capacità di ascoltare e rispettare l’interlocutore, senza dare troppo peso alle loro offese.

Un capitolo che mi è piaciuto molto è stato quello in cui ci invita a usare l’eleganzaproprio quando è più difficile, quando viene messa alla prova, quando cambiano le condizioni di vita, quando le cose non vanno come previsto, quando siamo troppo sotto pressione.

L’avete letto? Vi è piaciuto? Raccontatemi la vostra esperienza con il libro… vi va?

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Nelle mani di chi regala un fiore rimane sempre un po’ di profumo

rimedio contro la morte

rimedio contro la morte

Dicono che c’era una volta, all’epoca del Buddha, una donna a cui morì il suo unico figlio. La donna era disperata, non riusciva a lasciare che lo seppellissero, convinta che ci fosse un errore, il giorno prima stava bene e quello dopo non si era svegliato.

Colleziona attimi di altissimo splendore (2023)

Colleziona attimi di altissimo splendore (2023)

Questa settimana è uscito l’ultimo libro di Paolo Borzacchiello, scritto a quattro mani con Paolo Stella del affascinante titolo Colleziona attimi di altissimo splendore e io, chiaramente, l’ho preso e letto appena uscito, ancora caldo di stampa e me lo sono goduto splendidamente.