L’eleganza dell’anima (2018)

26 Nov 21

Questa settimana, ho letto un libricino giapponese molto carino, L’eleganza dell’anima. Le regole dell’armonia interiore ed esteriore, di Emiko Kato, una bellissima riflessione sull’eleganza, non solo come vestiti o gesti, ma come qualcosa di più profondo.

Un libro sull’eleganza, nella sua accezione più nobile, che coinvolge ogni atto e pensiero dell’individuo, è in grado di conquistare il favore delle persone assai più della bellezza, e su come si può acquisire e coltivare.

Un piccolo manuale di formazione, sviluppato seguendo 30 regole esenziali, che ci insegna come possiamo esprimere il garbo e la delicatezza della nostra anima nei nostri modi, di vestire, di conversare, di relazionarci con gli altri in ogni occasione della vita. 

Partendo dall’idea che l’eleganza è qualcosa di profondo, che é una forma di comunicazione tra anime, qualcosa che capiamo senza dover usare la mente, spiega come le cose superficiali, che si vedono dall’esterno, ci trasmettono messaggi per la relazione che hanno con la nostra parte più intima.

Ci spiega come l’eleganza si veda dal modo in cui guardiamo di fronte, dalla nostra capacità per vedere le cose belle, dal nostro sorriso, da quanto siamo rilassati,da come ci sediamo e da come muoviamo le gambe mentre camminiamo.

E anche da come parliamo, dal volume della nostra voce e anche dalla nostra capacità di ascoltare e rispettare l’interlocutore, senza dare troppo peso alle loro offese.

Un capitolo che mi è piaciuto molto è stato quello in cui ci invita a usare l’eleganzaproprio quando è più difficile, quando viene messa alla prova, quando cambiano le condizioni di vita, quando le cose non vanno come previsto, quando siamo troppo sotto pressione.

L’avete letto? Vi è piaciuto? Raccontatemi la vostra esperienza con il libro… vi va?

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Annusa spesso il formaggio così da sapere quando sta invecchiando

 

la tazzina di caffè

la tazzina di caffè

Dicono che c’era una volta un gruppo di alunni, affermati nelle loro carriere, che andarono tutti insieme a trovare uno dei loro vecchi professori del liceo. Dopo un pò che erano lì la conversazione si trasformò in una serie di lamentele sullo stress del lavoro e della vita.

Pianeta Verde (1995)

Pianeta Verde (1995)

Questa settimana mia mamma mi ha fatto notare che hanno messo su Netflix uno dei film francesi degli anni 90 che io ho sempre adorato: Pianeta verde, di 1996. Uno di quei film, come La Crisi, di critica sociopolitica che ci fa vedere il nostro mondo da un’altro punto di vista.

Il filo invisibile (2022)

Il filo invisibile (2022)

Questa settimana ho visto un film italiano, molto nuovo e che parla di temi nuovi, come l’omogenitorialità, le famiglie arcobaleno, le madri portatrici, insieme ai temi di sempre, gli adolescenti, i problemi dentro e fuori la famiglia, ecc. Si chiama Il filo invisibile e mi è piaciuto molto.