le responsabilità della bestia

30 Jan 19

La prossima settimana, all’incontro di facciamo pace, andremo avanti con il nostro progetto bestiale. Abbiamo già parlato di quello che ci manca e di quello che abbiamo, questa settimana lo guarderemo dal punto di vista delle responsabilità, di quello che dipende da noi, per ognuno dei sei aspetti…

 In fondo, quello che cerchiamo è di essere felici, di essere soddisfatti, e per ottenere questo c’è una buona parte di cose che dipendono da noi, e altra che dipende da qualcun’altro :

  • per ogni aspetto analizzato la settimana scorsa (corpo, mente, spirito, lavoro, affetti e tempo libero). vedremo quali sono gli elementi che dipendono da noi e quelle che no, per poter concentrare le nostre energie sui fattori che dipendono da noi e evitare di perderle dietro alle altre;
  • poi vedremo quanto tempo ed energie dedichiamo a questi elementi di cui abbiamo la responsabilità e il controllo e quanto dedichiamo ad aspettare e sperare che cambi quello che non dipende da noi;
  • e, per finire, sceglieremo anche qui una  attività da fare, un “prossimo passo“, per diventare più responsabili, per prenderci più responsabilità.

 E, chiaramente, prima controlleremo i risultati ed eventuali difficoltà di chi abbia provato a mettere in moto la ruota e la torta e le eventuali domande e perplessità di chi non sia riuscito…

Cosa ne pensate? Vi ho incuriositi? Venite e continueremo il discorso…

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Annusa spesso il formaggio così da sapere quando sta invecchiando

L come libertà (di opinione)

L come libertà (di opinione)

Un’altra parola molto importante per il Vocabolario possitivo e un tema di cui si parla molto in questi giorni è la libertà di espressione, di opinione, che molti pensiamo stia sparendo di nuovo per mano di quelli che fino a poco fa la chiedevano a grandi voci. Quando erano loro a non poter dire quello che pensavano, a essere perseguitati per le loro idee e a essere “contro-corrente”.

rimedio contro la morte

rimedio contro la morte

Dicono che c’era una volta, all’epoca del Buddha, una donna a cui morì il suo unico figlio. La donna era disperata, non riusciva a lasciare che lo seppellissero, convinta che ci fosse un errore, il giorno prima stava bene e quello dopo non si era svegliato.