le monete sbagliate

Dicono che c’era una volta, un ragazzo che diceva che nulla gli andava bene nella vita. Era nato in una famiglia povera, il suo papà era mancato quando era piccolo e a scuola non riusciva a capire tutto perchè aveva sempre sonno, giacchè doveva aiutare la mamma, sarta, che lavorava da casa.

Un giorno, arrivò a scuola per tenere una conferenza, un uomo famoso perchè era sempre felice e fortunato. Il ragazzo andò da lui per chiedergli se aveva rubato lui la sua fortuna. L’uomo rise, e disse:

– Ma no, nessuno può rubare la fortuna di un’altro. Sai, quando nasce ogni bambino, nel mondo spirituale, i suoi genitori gli regalano un sacchetto di monete. Ogni bambino riceve le sue monete, quelle che gli serviranno nella sua vita e, siccome sono monete virtuali, non possono essere rubate.

– A me devono aver dato le monete sbagliate – disse il ragazzino – è l’unica spiegazione per tutta questa sfortuna!

– In realtà è proprio il contrariio. Le monete sono proprio quelle, le monete giuste, la sfortuna perseguita chi non accetta il regalo, quelli che pensano che avrebbero meritato o voluto altre monete, e per questo motivo non le prendono. Preferiscono pensare di essere sfigati e creano e attraggono sempre più sfortuna.

– Ma, come posso accettare tutto questo?

– Non è così difficile, potresti pensare che, visto che hai monete diverse e particolari, serviranno per comprare qualcosa di speciale, no?

0 Comments

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sii scettico, ma impara ad ascoltare. Non credere a te stesso e a nessun altro

Don Miguel RuizDon Miguel RuizIl Quinto Accordo

 

Mi faccio una promessa (2020)

Mi faccio una promessa (2020)

Con l’arrivo delle vacanze mi torna sempre il desiderio di ordine in casa. Quest’anno ho letto Mi faccio una promessa, entro tre mesi la mia casa sarà uno spettacolo, trovato per caso tra le novità di Amazon Kindle Unlimited.

Il principe dimenticato (2020)

Il principe dimenticato (2020)

Oggi mi sono guardata di nuovo un film con Omar Sy, il principe dimenticato, come in famiglia all’improvviso, una bellissima storia di un padre e di sua figlia. In questo caso, ambientata in due mondi, quello reale e quello della fantasia.

spronare

spronare

Quando dico che sono una life coach molti rispondono “ah, sei una motivatrice!”. In realtà, no. Per come lavoro io, parlare di motivazione è spesso troppo superficiale, infatti non sempre funziona, io cerco di lavorare su un livello un po’ più profondo.