le monete sbagliate

Dicono che c’era una volta, un ragazzo che diceva che nulla gli andava bene nella vita. Era nato in una famiglia povera, il suo papà era mancato quando era piccolo e a scuola non riusciva a capire tutto perchè aveva sempre sonno, giacchè doveva aiutare la mamma, sarta, che lavorava da casa.

Un giorno, arrivò a scuola per tenere una conferenza, un uomo famoso perchè era sempre felice e fortunato. Il ragazzo andò da lui per chiedergli se aveva rubato lui la sua fortuna. L’uomo rise, e disse:

– Ma no, nessuno può rubare la fortuna di un’altro. Sai, quando nasce ogni bambino, nel mondo spirituale, i suoi genitori gli regalano un sacchetto di monete. Ogni bambino riceve le sue monete, quelle che gli serviranno nella sua vita e, siccome sono monete virtuali, non possono essere rubate.

– A me devono aver dato le monete sbagliate – disse il ragazzino – è l’unica spiegazione per tutta questa sfortuna!

– In realtà è proprio il contrariio. Le monete sono proprio quelle, le monete giuste, la sfortuna perseguita chi non accetta il regalo, quelli che pensano che avrebbero meritato o voluto altre monete, e per questo motivo non le prendono. Preferiscono pensare di essere sfigati e creano e attraggono sempre più sfortuna.

– Ma, come posso accettare tutto questo?

– Non è così difficile, potresti pensare che, visto che hai monete diverse e particolari, serviranno per comprare qualcosa di speciale, no?

0 Comments

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

La sconfitta è uno stato mentale: nessuno viene mai sconfitto, a meno che non abbia accettato la sconfitta come una realtà.

 

Il metodo Ikigai (2018)

Il metodo Ikigai (2018)

Questa settimana ho letto per voi un libro molto interessante: Il metodo Ikigai. I segreti della filosofia giapponese per una vita lunga e felice, in cui Héctor García ci racconta di un suo viaggio e delle esperienze fatte con i centenari Giapponesi.

Il buco (2019)

Il buco (2019)

La prima volta che ho visto qualche immagine di questo film, mi ha infastidito. Poi ho visto qualche recensione e ho pensato di guardarlo, andando oltre la superficie e devo dire che tanto le metafore come il simbolismo mi hanno veramente coinvolta…

empatia consapevole

empatia consapevole

Cercando immagini per rappresentare l’empatia ho trovato questi due fantastici ometti con la scritta “so esattamente come ti senti”. Loro non sono esattamente uguali ma hanno quel che sembra esattamente lo stesso problema.