la stessa storia

08 Aug 22

Dicono che c’era una volta una donna molto saggia che aiutava tutti quelli che andavano da lei per chiederle consiglio. Abitava in una casetta nelle montagne e, anche se il percorso per arrivarci non era facile, i problemi che avevano nelle loro vite sembravano più difficili ancora.

Ci fu un periodo in cui notò che molte persone tornavano spesso e decise di scendere in paese per parlare a tutti. Chiese a tutti quelli che venivano da lei di radunarsi in piazza perchè voleva raccontare a tutti una cosa importante.

Quando furono tutti in piazza per prima cosa ringraziò loro della loro fiducia e dei regali che le portavano quando venivano a trovarla, poi raccontò una storiella divertente che le era successa quando era giovane.

Tutti risero e la donna sembrò persino arossire. Poi ci fu un minuto di silenzio e quando la donna riprese a parlare raccontò di nuovo la stessa storia. Quella seconda volta pochi risero. La storia era divertente soprattutto perchè era inaspettata, nel momento in cui l’avevano già sentita non lo era più, e i pochi che risero pensarono che la donna stava perdendo colpi.

 Dopo qualche minuto di silenzio, questa volta un po’ più scomodo, la donna iniziò a parlare per la terza volta. E di nuovo raccontò la stessa storia.Tutti quelli che contavano sulla sua saggezza si sentirono persi, si guardavano tra di loro e si chiedevano se avrebbero potuto continuare a chiederle consigli.

Questa volta nessuno rise, e non ci fu nemmeno un vero silenzio. Le persone nella piazza iniziarono a mormorare, sempre più rumorosamente, e la donna dovete alzare la voce per farsi sentire.

– So cosa state pensando, -disse, e tutti si zittirono perchè si aspettavano di nuovo la stessa storia- state pensando che sto perdendo la ragione perchè vi ho raccontato la stessa storia tre volte. Ma l’ho fatto di proposito. La storia era divertente, ma la terza volta non lo era più, non volevate più sentirla, invece, le vostre storie tristi, paurose, le vostre delusioni, ve le raccontate mille volte e non vi stancate mai. Spesso venite a raccontarmi la stessa storia e mi chiedete lo stesso consiglio più volte. Sono venuta a farvi questa piccola dimostrazione per invitarvi ad andare avanti, a smettere di rovistare nelle vecchie storie tristi e a viverne nuove storie diverse, a rischiare di sbagliare, perchè il passato lo conosciamo già ma il futuro può essere diverso se smettiamo di rimuginare…

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

È più sicuro cercare nel labirinto che rimanere in una situazione senza formaggio

 

la tazzina di caffè

la tazzina di caffè

Dicono che c’era una volta un gruppo di alunni, affermati nelle loro carriere, che andarono tutti insieme a trovare uno dei loro vecchi professori del liceo. Dopo un pò che erano lì la conversazione si trasformò in una serie di lamentele sullo stress del lavoro e della vita.

Pianeta Verde (1995)

Pianeta Verde (1995)

Questa settimana mia mamma mi ha fatto notare che hanno messo su Netflix uno dei film francesi degli anni 90 che io ho sempre adorato: Pianeta verde, di 1996. Uno di quei film, come La Crisi, di critica sociopolitica che ci fa vedere il nostro mondo da un’altro punto di vista.

Il filo invisibile (2022)

Il filo invisibile (2022)

Questa settimana ho visto un film italiano, molto nuovo e che parla di temi nuovi, come l’omogenitorialità, le famiglie arcobaleno, le madri portatrici, insieme ai temi di sempre, gli adolescenti, i problemi dentro e fuori la famiglia, ecc. Si chiama Il filo invisibile e mi è piaciuto molto.