La sottile arte di fare quello che c***o ti pare (2017)

03 Jun 22

Questa settimana voglio parlarvi di un’altro libro di Mark Manson, La sottile arte di fare quello che c***o ti pare. Il metodo scorretto (ma efficace) per liberarsi da persone irritanti, falsi problemi e rotture di ogni giorno e vivere felici, una guida per smettere di cercare la felicità là dove non possiamo trovarla.

Un libro sulla sottile arte dello sbattersene, non nel senso di diventare sereni e indifferenti a tutto ma come individui sicuri e che se ne sbattono di tante cose inutili dietro alle quali gli altri perdono tempo ed energie. Infatti, lo sbattersene con arte viene definito da tre sottigliezze:

Sottigliezza #1: Sbattersene non significa essere indifferenti; significa sentirsi a proprio agio con la propria diversità. Non preoccuparsi di quello che dovremmo essere, fare, avere, ma scegliere cosa vogliamo e possiamo essere, fare, avere.

Sottigliezza #2: Per sbattertene delle avversità, devi prima dare valore a qualcosa di più importante. Bisogna definire quali sono i nostri valori, le nostre priorità, le cose e le persone in cui vale la pena concentrare i nostri sforzi e rinunciare al resto.

Sottigliezza #3: Che tu te ne renda conto o no, scegli sempre per cosa sbatterti. Se non fai una scelta, potresti cercare di sbatterti per troppe cose e finire senza energie o di evitare tutti gli sbattimenti e sentirti inutile. E, soprattutto, se non prendi una decisione, sarà qualcun’altro a farlo.

Alla fine, con molti esempi di vite di personaggi famosi, ci spiega come la ricerca della felicità è parte del problema, o meglio, il problema diventa quello che intendiamo con felicità, in una società che cerca di imporci ideali troppo irrealistici.

Con molti esempi che potrebbero sembrare alternativi, controcorrente e persino controintuitivi, ci mostra come vivere meglio smettendo di cercare il piacere di evitare i problemi, ma godendoci la libertà di scegliere quali vogliamo risolvere.

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Per assurdo, meno ti soffermi sull’obiettivo finale e più presto ci arriverai. Se tieni un occhio sempre fisso sulla destinazione, te ne rimane solamente uno per guidarti lungo il viaggio.

 

auguri e buoni propositi

auguri e buoni propositi

Un altro dei ricordi che mi mancano tanto di quando ero bambina è quello degli auguri di buon anno. Oggi giorno si parla solo di buoni propositi, di obbietivi da raggiungere, di sforzi, d’impegno… come se tutto dipendesse da noi, dai nostri desideri e dalla nostra volontà.

Klaus (2019)

Klaus (2019)

Questa settimana voglio parlarvi di un film molto simpatico, Klaus: I segreti del Natale, che racconta la storia di un Santa Klaus in un modo un po’ particolare, una leggenda nata un po’ per caso, pezzo a pezzo, da una serie di situazioni particolari e piccole coincidenze.

Goool! (2013)

Goool! (2013)

Questa settimana, visto che l’Argentina ha vinto il mondiale, ho pensato di rivedere un film argentino di dieci anni fa sul calcio: Goool! una bellissima storia sull’amicizia, sullo spirito di squadra, ma soprattutto sullo sport, in cui, per giocare, servono gli avversari, di cui dicono “è più quel che ci unisce che quel che ci separa”.