la prima pietra (2018)

Anche questa settimana, e sempre per caso su Nextflix, ho visto un film italiano molto simpatico, La prima pietra, con un meraviglioso Corrado Guzzanti nei  panni del preside di una scuola multietnica in cui tutti sembrano convivere placidamente fino a quando un bambino lancia una pietra contro una vetrata.

Racconta la storia di un natale molto particolare in cui la recita della scuola, fa uscire tutti i pensieri tenuti sotto pressione dall’integrazione che lo è solo di nome, dall’ipocrisia, in una società che da più importanza alle apparenze… senza mai approfondire.

La storia che inizia con la domanda, chi deve pagare per la finestra rotta eper i danni ai custodi, finisce per stappare una cassa di pandora in cui chi più e chi meno, tutti si sentono superiori agli altri e nessuno la racconta giusta.

Se non l’avete visto, ve lo consiglio, a me è piaciuto veramente tanto, se l’avete visto, ditemi cosa ne pensate.

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Quando superi le tue paure, ti senti libero...

 

flow (1990)

flow (1990)

Ieri mi è arrivato un email che diceva che, finalmente, si può leggere uno dei miei libri preferiti sugli argomenti di cui parliamo normalmente anche in italiano. Sto parlando di Flow di Mihály Csíkszentmihályi, che io ho letto più di vent’anni fa ma di cui ancora non avevo potuto parlarvi.

la gente che e la gente quando

la gente che e la gente quando

Ieri, al nostro incontro, ancora online, di facciamo pace, laboratorio di inmunosuficienza psicologica, abbiamo parlato, come promesso, delle diverse parti di noi e di una tecnica per riconoscerle, per integrarle, ma soprattutto abbiamo parlato del perchè stiamo facendo questi incontri, per diventare dei giocatori livello P.R.O. di questo gioco che è la vita.

la trappola della vittima

la trappola della vittima

Abbiamo parlato molte volte dell’analisi transazionale e di uno dei suoi concetti principali, l’esistenza in ognuno di noi di tre diversi tipi di personalità che riflettono i tre stati dell’io, bambino, adulto e genitore. Oggi voglio parlarvi di un’altro aspetto importante il triangolo psicodrammatico.