La paura delle malattie (2018)

In questi giorni tutti parlano del virus, di quanto sia pericoloso, di quanto sia mortale, di quanto sia contaggioso… alcuni per dire che è terribile e altri per dire che non lo é. Con tutte queste informazioni ho pensato di parlare del libro La Paura delle Malattie,  di Giorgio Nardone.

Una lettura molto consigliata perchè, come tutti i libri di Nardone, spiega in maniera molto semplice e differente le cause e i sintomi dell’ipocondria e la paura delle malattie che, soprattutto in Italia, fa presa su tanti individui, soprattutto, da quando Google è diventato il dottore di famiglia per molti.

Un terrore che mina la vita quotidiana, una richiesta continua di aiuto medico e di terapia, e lamentele di dolore, ancora bollati come «frutto dell’immaginazione» solo perchè non sono così facili di spiegare dalla scienza. Possono essere, invece, profondamente reali e fare vivere male sia i pazienti che chiunque li stia vicino.

Prima descrive la sindrome ipocondriaca in tutte le sue varianti e passa in rassegna i possibili fattori d’innesco, per poi mostrare l’efficacia della Psicoterapia Breve Strategica nel suo trattamento, con le strategie e stratagemmi terapeutici studiati ad hoc per le sue caratteristiche ed esempi tratti dalla realtà, per poter apprezzare l’efficacia di molte divertenti e paradossali tecniche per uscire in breve tempo dai circoli viziosi della paura delle malattie in modo apparentemente «magico».

Vengono infine fornite alcune indicazioni per la prevenzione degli effetti più reali di questa malattia, basate sul riconoscimento dei messaggi che invia il nostro corpo e sugli stili di vita opportuni per raggiungere e mantenere il benessere psicofisico.

L’avete letto? Vi è piaciuto? Raccontatemi la vostra esperienza con il libro… vi va?

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Ma cosa facciamo, in genere, quando abbiamo un sentimento negativo? "È colpa sua. Deve cambiare". No! Il mondo è a posto. Chi deve cambiare siete voi.

 

Cio che dai ritorna sempre

Cio che dai ritorna sempre

Dicono che c’era una volta un contadino tibetano che bussò alla porta del vicino monastero. Come di prassi, le porte vennero aperte dal monaco responsabile di accogliere le visite. Il contadino senza troppi convenevoli, porse in regalo al giovane monaco alcuni grappoli d’uva.

Guerrieri metropolitani (2015)

Guerrieri metropolitani (2015)

Questa settimana, ho letto Guerrieri metropolitani. Combattere fuori per vincere dentro. La filosofia degli sport da combattimento di Salvatore Brizzi, e mi è piaciuto molto come parla dell’EGO e del qui e ora, di come si possono gestire in ogni situazione.

the manor (2021)

the manor (2021)

Questa settimana ho visto, questa volta su prime video, un film americano molto particolare, The Manor. Un thriller ambientato nei nostri giorni, che mischia momenti di vita normale e reale e una storia paranormale con un finale che non avevo mai visto.