il lutto

In questi giorni di quarantena in cui abbiamo dovuto rinunciare agli incontri di facciamo pace, e a tante altre cose, pensavo che potrebbe essere interessante parlare di perdite e di lutto, ma più che altro, di come superare questo le crisi e scoprire le opportunità.

Normalmente si parla di lutto solo quando muore qualcuno ma io sono anni che applico le fasi dell’elaborazione del lutto anche ad altre perdite, come un divorzio, la perdita del lavoro, una rottura in famiglia o nelle amicizie.

Le fasi del lutto sono dei momenti per cui dobbiamo passare dopo una perdita, alcune volte si riesce a fare più in fretta, senza sforzo, automaticamente, altre no. Ma in ogni caso bisogna attraversarle se non vogliamo rimanere bloccati.

  • la prima fase è la negazione: non potendo resistere il dolore della mancanza vorremmo fare tutto come prima, come se niente fosse;
  • la  seconda è la rabbia, ce la prendiamo per tutto e cerchiamo colpevoli, possibilmente accumulando anche altri problemi del passato;
  • poi arriva la tristezza e la paura che altre cose vadano male e che niente possa andare meglio, che non riusciremo a farne fronte;
  • poi la accettazione e il perdono, quando ci arrendiamo alla realtà delle cose e smettiamo di vivere solo nella nostra testa per confrontarci con quel che è possibile;
  • per poter arrivare alla ricerca di senso e alla rinascita, con la forza di chi ha superato una prova della vita.

Che ne dite di provare ad applicarle alla nostra perdita di libertà e superarle il più in fretta possibile? Proviamo? poi mi raccontate com’è andata appena finirà la quarantena e ci vedremo di nuovo!

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Nulla al mondo è normale. Tutto ciò che esiste è un frammento del grande enigma.

Jostein GaarderJostein GaarderC'è nessuno?

 

Il talento del calabrone (2020)

Il talento del calabrone (2020)

Questa settimana, mi sono guardata Il talento del calabrone, su primevideo, con Sergio Castellitto, Lorenzo Richelmy, e Anna Foglietta. Una storia un po’ all’americana, ho letto da qualche parte, molto avvincente e con finale a sorpresa.

due piedi

due piedi

La settimana prossima, all'incontro di facciamo pace, laboratorio di inmunosuficienza psicologica, ancora una volta online, il tema sarà la dualità e come gestirla, perchè ci hanno sempre insegnato che dobbiamo fare delle scelte ma a spesso è pìu funzionale trovare...

piccole distrazioni

piccole distrazioni

Da inizio settembre mi sono messa a dieta, sono andata da Manuel Turolla, l’autore del libro Il metabolismo intelligente di cui vi avevo parlato. Tra le altre cose, ho smesso di bere cocacola, anche se era zero e di mangiare qualsiasi cosa tra i pasti.