Il libro definitivo dello Human Design (2019)

La prima volta che ho sentito parlare dello Human Design fu al ritorno delle vacanze dell’estate del 2016. Una amica mi invitò ad un incontro in cui si faceva la lettura del proprio grafico o mandala Rave, in questi giorni, mi é capitato fra le mani il Il Libro Definitivo dello Human Design System®, di Lynda Bunnell e il creatore del sistema Ra Uru Hu.

Partendo dagli stessi dati dell’oroscopo, il disegno umano spiega il Disegno unico ed lo specifico proposito da adempiere mentre siamo sulla Terra che abbiamo ognuno di noi.Il Libro Definitivo dello Human Design SystemLa tua Carta mostra il tuo specifico disegno genetico: afferma chi sei realmente, come essere te stesso, come navigare con successo attraverso i continui cambiamenti nel mondo.

 L’avete letto? Conoscevate Human Design? Se no, potete avere una prima infarinatura qui o calcolare il vostro personale mandala qui. Raccontatemi la vostra esperienza con il libro… vi va?

0 Comments

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aver bisogno di essere approvato è come dire: vale più il tuo concetto su di me dell'opinione che ho di me stesso.

Dr. Wayne W. DyerDr. Wayne W. DyerLe tue zone erronee

 

Mi faccio una promessa (2020)

Mi faccio una promessa (2020)

Con l’arrivo delle vacanze mi torna sempre il desiderio di ordine in casa. Quest’anno ho letto Mi faccio una promessa, entro tre mesi la mia casa sarà uno spettacolo, trovato per caso tra le novità di Amazon Kindle Unlimited.

Il principe dimenticato (2020)

Il principe dimenticato (2020)

Oggi mi sono guardata di nuovo un film con Omar Sy, il principe dimenticato, come in famiglia all’improvviso, una bellissima storia di un padre e di sua figlia. In questo caso, ambientata in due mondi, quello reale e quello della fantasia.

spronare

spronare

Quando dico che sono una life coach molti rispondono “ah, sei una motivatrice!”. In realtà, no. Per come lavoro io, parlare di motivazione è spesso troppo superficiale, infatti non sempre funziona, io cerco di lavorare su un livello un po’ più profondo.