il conto

Dopo un po’ di giorni, in cui tutti parlano di coronavirus, degli effetti della malattia e delle misure prese per sottometterla che stanno mettendo in moto i diversi paesi, dei suoi effetti anche economici, psicologici e sulla società, voglio dirmi la mia.

Penso sempre alla metafora dei pompieri e dei batteri. Non sono sicura di dove l’ho sentita, sicuramente in un corso di psicobiologia ma non ricordo quale. Il fatto è che diceva che i batteri erano alleati, che tenevano in equilibrio il nostro sistema, un po’ come i pompieri, sempre vicino ai fuochi ma non perchè li avessero appicati.

Questo virus, volendo, potrebbe essere visto come opportunità, perchè ci sta obbligando ad affrontare tutta una serie di aspetti, di problematiche, di cose che non andavano ma che credevamo di non poter affrontare perchè eravamo troppo occupati a fare altro.

 È un po’ come se l’universo ci stesse facendo pagare il conto di tutti gli eccessi e delle violazioni delle regole più elementari che lo tengono in equilibrio. Degli attentati contro il pianeta, contro la nostra salute, contro l’umanità, ecc.

Ci sta facendo pagare il conto in vite umane, in sacrifici, in cose vere e non in soldi, perchè i soldi li abbiamo inventati noi e sono una parte del problema, non della soluzione.

Ci sta facendo pagare il conto in maniera ineluttabile, senza darci più tempo per prepararci e procrastinare. È arrivato il momento di agire, come individui, come famiglie, come paesi… e possiamo cadere ulteriormente o rialzarci. E ognuno di noi può scegliere.

Come dicevo, il mio invito è ad approfittare della quarantena per pensare alla nostra scelta e a metterci dalla parte dell’universo e non contro. Che ne dite? Proviamo? Vi va?

2 Comments

    • amorben

      Grande!

      Reply

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Non puoi evitare che tristezza e paura ti volino attorno; quello che puoi evitare è che si costruiscano un nido nella tua testa.

 

per quale Dio lavori?

per quale Dio lavori?

Nelle religioni polteiste ci sono più dei e si può scegliere a quale Dio dirigersi in ogni momento. Nelle religioni monotesite c’è la chiesa che ci racconta la storia di Dio, una storia che è unica, ma ognuno di noi, dopo la personalizza e può farsi un idea di Dio completamente personale.

un campo di lamponi

un campo di lamponi

Dicono che c’era una volta un gruppo di ragazzi che, ogni anno, cercava un luogo per fare una settimana di campeggio in una delle valli che circondavano la loro città. Un estate, per caso, trovarono un posto fantastico vicino ad un campo di lamponi.

Mi faccio una promessa (2020)

Mi faccio una promessa (2020)

Con l’arrivo delle vacanze mi torna sempre il desiderio di ordine in casa. Quest’anno ho letto Mi faccio una promessa, entro tre mesi la mia casa sarà uno spettacolo, trovato per caso tra le novità di Amazon Kindle Unlimited.