il conto

Dopo un po’ di giorni, in cui tutti parlano di coronavirus, degli effetti della malattia e delle misure prese per sottometterla che stanno mettendo in moto i diversi paesi, dei suoi effetti anche economici, psicologici e sulla società, voglio dirmi la mia.

Penso sempre alla metafora dei pompieri e dei batteri. Non sono sicura di dove l’ho sentita, sicuramente in un corso di psicobiologia ma non ricordo quale. Il fatto è che diceva che i batteri erano alleati, che tenevano in equilibrio il nostro sistema, un po’ come i pompieri, sempre vicino ai fuochi ma non perchè li avessero appicati.

Questo virus, volendo, potrebbe essere visto come opportunità, perchè ci sta obbligando ad affrontare tutta una serie di aspetti, di problematiche, di cose che non andavano ma che credevamo di non poter affrontare perchè eravamo troppo occupati a fare altro.

 È un po’ come se l’universo ci stesse facendo pagare il conto di tutti gli eccessi e delle violazioni delle regole più elementari che lo tengono in equilibrio. Degli attentati contro il pianeta, contro la nostra salute, contro l’umanità, ecc.

Ci sta facendo pagare il conto in vite umane, in sacrifici, in cose vere e non in soldi, perchè i soldi li abbiamo inventati noi e sono una parte del problema, non della soluzione.

Ci sta facendo pagare il conto in maniera ineluttabile, senza darci più tempo per prepararci e procrastinare. È arrivato il momento di agire, come individui, come famiglie, come paesi… e possiamo cadere ulteriormente o rialzarci. E ognuno di noi può scegliere.

Come dicevo, il mio invito è ad approfittare della quarantena per pensare alla nostra scelta e a metterci dalla parte dell’universo e non contro. Che ne dite? Proviamo? Vi va?

2 Comments

    • amorben

      Grande!

      Reply

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Quelli che riconoscono che i problemi fanno parte della condizione umana, e che non misurano la felicità dall'assenza di problemi, sono gli esseri più intelligenti che si conoscano, e sono anche i più rari.

Dr. Wayne W. DyerDr. Wayne W. DyerLe tue zone erronee

 

piccole distrazioni

piccole distrazioni

Da inizio settembre mi sono messa a dieta, sono andata da Manuel Turolla, l’autore del libro Il metabolismo intelligente di cui vi avevo parlato. Tra le altre cose, ho smesso di bere cocacola, anche se era zero e di mangiare qualsiasi cosa tra i pasti.

i tre livelli del sè

i tre livelli del sè

Dicono che c’era una volta un saggio insegnante di filosofia, ammirato da tutti i suoi allievi perchè non insegnava solo la storia dei filosofi, ma anche a pensare. Un giorno, quando arrivò in classe i ragazzi erano particolarmente agitati per una frase letta nel bigliettino di un biscotto della fortuna.

La vita davanti a sè (2020)

La vita davanti a sè (2020)

Questa settimana, in questo clima di desunione e di guerra dei poveri mi sono guardata La vita davanti a sè, con una Sofia Loren che arriva al cuore anche alla sua età e un bravissimo Ibrahima Gueye.