i linguaggi dell’amore

Dicono che c’era una volta un giovane che si era trasferito in un’altra città per studiare. Prima di Natale la sua mamma andò a trovarlo e si fermò a dormire una notte nella sua casa. Al mattino dopo lei doveva partire perciò la portò a passeggiare per il campus e a cena e poi andarono a dormire.

Al mattino presto, quando andò a salutarla prima di andare a lezione, la vide dormire così serena e così pacifica che non volle nemmeno baciarla per non svegliarla. Così, come gesto d’amore, la lasciò dormire e se ne andò in silenzio.

Quando la chiamò prima che prendesse il treno, la notò molto triste. Era fredda e molto distante, molto diversa di com’era stata il giorno precedente. Lui si stupì un po’ ma pensò sarebbe stata nervosa per qualcos’altro e non diede troppa importanza al fatto.

Ma, a Natale quando lui andò a trovare la famiglia, sebbene i suoi fratelli e suo padre lo accolsero come sempre, lei era ancora fredda e distaccata. Fino a quando esplose e chiese “tanto ti costava?”

Tanto ti costava svegliarmi per salutarmi quella mattina? Io sono venuta a trovarti, mi sono presa un treno e ho lasciato soli tutti gli altri per andare a vedere come te la cavavi all’università e tu mi hai ringraziato ignorandomi al mattino e continuando con la tua vita come se io non esistessi.

Solo in quel momento lui capì che il suo gesto d’amore, non essendo stato “raccontato” era stato frainteso ed era stato causa di sofferenza per sua mamma, si spiegò e i due si abbracciarono e promissero di dirsi le cose subito da allora in poi, in maniera di poter capire meglio il linguaggio dell’amore dell’altro.

0 Comments

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Una risposta non merita mai un inchino: per quanto intelligente e giusta ci possa sembrare, non dobbiamo mai inchinarci a una risposta.

Jostein GaarderJostein GaarderC'è nessuno?

 

di regole ed eccezioni

di regole ed eccezioni

Spesso molti confondono l’ottimismo con ingenuità. Io non sono d’accordo, infatti abbiamo già parlato più volte di quanto il mio concetto di pensiero possitivo sia un esercizio di realismo ottimista o di ottimismo realistico, come preferite.

per quale Dio lavori?

per quale Dio lavori?

Nelle religioni polteiste ci sono più dei e si può scegliere a quale Dio dirigersi in ogni momento. Nelle religioni monotesite c’è la chiesa che ci racconta la storia di Dio, una storia che è unica, ma ognuno di noi, dopo la personalizza e può farsi un idea di Dio completamente personale.

un campo di lamponi

un campo di lamponi

Dicono che c’era una volta un gruppo di ragazzi che, ogni anno, cercava un luogo per fare una settimana di campeggio in una delle valli che circondavano la loro città. Un estate, per caso, trovarono un posto fantastico vicino ad un campo di lamponi.