Gli ordini dell’aiuto (2007)

Questa settimana, ho letto Gli ordini dell’aiuto di Bert Hellinger. Un libro che  parla dell’aiuto, dal punto di vista sistemico, e delle regole per aiutare con  il metodo delle Costellazioni Familiari e connettendosi con il sistema, con la coscienza collettiva, per integrare gli aspetti e i personaggi ignorati in ogni situazione.

Anche se è un libro destinato principalmente a chi aiuta gli altri per mestiere, come medici, psicoterapeuti, operatori nei diversi servizi sociali, insegnanti, e consulenti organizzativi. Può essere utile a chiunque voglia aiutare.

La parola “ordine” si riferisce ad un ordine naturale delle cose, sistemico, la cui perdita comporta i problemi, le malattie, e il cui ripristino è l’obbiettivo dell’aiuto. Molte volte aiutare una persona non è prendersi cura di lei e delle sue necessità ma è consentire a questa persona di vedere le cose che gli servono e che deve mettere in ordine nella sua vita.

Per Bert Hellinger il vero lavoro aiuto consiste nel permettere alla persona di prendere atto dello stato delle cose e lavorare su queste cose che impediscono la sua felicità, seguendo quattro ordini importanti, per risolvere il problema e non rischiare di alimentarlo:

  • Primo Ordine dell’aiuto: si può dare solo quello che si possiede ed aspettarsi ed accettare solo quello di cui si ha realmente bisogno.
  • Secondo Ordine dell’Aiuto: per aiutare è necessario tenere conto delle circostanze e sottomettersi ad esse, intervenendo nella misura in cui queste lo consentono.
  • Terzo Ordine dell’Aiuto: chi aiuta si pone da adulto di fronte ad un adulto che cerca aiuto e respinge i tentativi di quest’ultimo di relegarlo nel ruolo del genitore.
  • Quarto Ordine dell’Aiuto: aiuto tutti con Amore e mi pongo al servizio della riconciliazione.

L’avete letto? Vi è piaciuto? Raccontatemi la vostra esperienza con il libro… vi va?

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Aver bisogno di essere approvato è come dire: vale più il tuo concetto su di me dell'opinione che ho di me stesso.

Dr. Wayne W. DyerDr. Wayne W. DyerLe tue zone erronee

 

Cio che dai ritorna sempre

Cio che dai ritorna sempre

Dicono che c’era una volta un contadino tibetano che bussò alla porta del vicino monastero. Come di prassi, le porte vennero aperte dal monaco responsabile di accogliere le visite. Il contadino senza troppi convenevoli, porse in regalo al giovane monaco alcuni grappoli d’uva.

Guerrieri metropolitani (2015)

Guerrieri metropolitani (2015)

Questa settimana, ho letto Guerrieri metropolitani. Combattere fuori per vincere dentro. La filosofia degli sport da combattimento di Salvatore Brizzi, e mi è piaciuto molto come parla dell’EGO e del qui e ora, di come si possono gestire in ogni situazione.

the manor (2021)

the manor (2021)

Questa settimana ho visto, questa volta su prime video, un film americano molto particolare, The Manor. Un thriller ambientato nei nostri giorni, che mischia momenti di vita normale e reale e una storia paranormale con un finale che non avevo mai visto.