giustizia divina

23 May 22

Dicono che c’era una un gruppo di ragazzi molto poveri che, mentre giocava, trovò un sacchettino molto carino con ventisei bacche rosse. Siccome loro erano cinque e la divisione non era esatta, andarono a chiedere alla donna più anziana del villaggio aiuto per dividerle equamente.

– Siamo venuti da te perchè ci aiuti a dividerle nel modo più giusto – disse una delle ragazze, dando all’anziana il sacchetto e le bacche.

– Bene, vi aiuterò, ma volete la divisione “giusta” secondo la giustizia divina o secondo la giustizia degli uomini? – disse la donna guardando le bacche, il sacchettino e quei ragazzi, con i loro cuori incontaminati.

I ragazzi si guardarono tra di loro prima di rispondere, sembrava una domanda banale ma, se l’aveva fatta l’anziana, non lo era. Erano piccoli ma sapevano che la giustizia degli uomini spesso era stata ingiusta con loro e le loro famiglie, perciò sceglierono la giustizia divina.

 – Siete sicuri, accetterete la divisione che vi darò anche se vi sembrerà sbagliata secondo i normali criteri della giustizia degli uomini? -chiese ancora la donna.

I ragazzi assentirono e l’anziana diede dodici noccioline al più piccolo, cinque ad ognuno dei due amichetti più grandicelli, quattro a una delle gemelle e all’altra solo il sacchettino carino.

I ragazzi non capivano ma, come avevano promesso, accettarono la sua decisione e tornarono a casa, giocando e parlando d’altro. Il piccolino si mangiò tutte le noccioline per strada, un po’ per paura che, se le portava a casa, gliele rubassero i suoi fratelli più grandi, un po’ per la fame che aveva, abituato appunto a che i suoi fratelli gli rubassero il cibo. Invece, i due più grandicelli decisero di tenerle in tasca per un po’ e di razionarle.

Quando arrivarono a casa e raccontarono la storia alla mamma, la gemella che aveva avuto le noccioline disse che voleva darle metà a sua sorella ma la mamma la fermò decisa, non poteva dargliene nemmeno una, anche se le ragazze ancora non lo sapevano, la mamma non le comprava mai perchè una delle figlie era allergica.

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

La felicità è facile, ma imparare a non essere infelici può essere arduo.

Dr. Wayne W. DyerDr. Wayne W. DyerLe tue zone erronee

 

auguri e buoni propositi

auguri e buoni propositi

Un altro dei ricordi che mi mancano tanto di quando ero bambina è quello degli auguri di buon anno. Oggi giorno si parla solo di buoni propositi, di obbietivi da raggiungere, di sforzi, d’impegno… come se tutto dipendesse da noi, dai nostri desideri e dalla nostra volontà.

Klaus (2019)

Klaus (2019)

Questa settimana voglio parlarvi di un film molto simpatico, Klaus: I segreti del Natale, che racconta la storia di un Santa Klaus in un modo un po’ particolare, una leggenda nata un po’ per caso, pezzo a pezzo, da una serie di situazioni particolari e piccole coincidenze.

Goool! (2013)

Goool! (2013)

Questa settimana, visto che l’Argentina ha vinto il mondiale, ho pensato di rivedere un film argentino di dieci anni fa sul calcio: Goool! una bellissima storia sull’amicizia, sullo spirito di squadra, ma soprattutto sullo sport, in cui, per giocare, servono gli avversari, di cui dicono “è più quel che ci unisce che quel che ci separa”.