eroi si nasce o si diventa

06 Mar 19

La prossima settimana inizierò un progetto bellissimo, un laboratorio di scrittura creativa e coaching con ragazzi di seconda media. Parleremo di eroi, nella realtà, nella mitologia, nella letteratura e nel cinema. L’obiettivo è doppio, da un lato capire meglio come funziona il mondo, come leggere le cose che ci succedono e dall’altro scrivere una storia,  per vedere come possiamo cambiarlo.

  • parleremo di cosa significa essere un eroe, confrontando la teoria e le proprie idee, delle loro caratteristiche caratteriali e comportamentali, della loro personalità, delle loro azioni, delle loro scelte, dei loro rapporti, delle loro alleanze e nemicizie;
  • parleremo degli elementi in comune nelle loro storie, di come si vedono e di come li vedono gli altri, prima e dopo i loro atti eroici, perchè spesso gli eroi prima di diventarlo sono persone normali, persino poco popolari, disprezzati e persino odiati;
  • sceglieremo ognuno il suo eroe di riferimento e analizzeremo quello che chiamano il viaggio dell’eroe, un percorso di crescita fatto di scelte e di azioni, di prove superate, con alleanze e soprattutto con cambiamenti interiori, e un percorso di crescita e maturazione;
  • e, per finire, scriveremo ognuno una storia nostra. La storia di un eroe personalizzato secondo nostre caratteristiche, desideri, piaceri, ideali, valori e paure.

 Vi ho incuriosito? VI aggiornerò man mano che andremo avanti, con i nostri progressi e altri dettagli sul progetto. E, probabilmente ci saranno future versioni anche per adulti, vi piacerebbe partecipare a una?

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Dr. Wayne W. DyerDr. Wayne W. Dyeril mio sacro destino

Se devi scegliere tra avere ragione o essere gentile, scegli sempre di essere gentile.

L come libertà (di opinione)

L come libertà (di opinione)

Un’altra parola molto importante per il Vocabolario possitivo e un tema di cui si parla molto in questi giorni è la libertà di espressione, di opinione, che molti pensiamo stia sparendo di nuovo per mano di quelli che fino a poco fa la chiedevano a grandi voci. Quando erano loro a non poter dire quello che pensavano, a essere perseguitati per le loro idee e a essere “contro-corrente”.

rimedio contro la morte

rimedio contro la morte

Dicono che c’era una volta, all’epoca del Buddha, una donna a cui morì il suo unico figlio. La donna era disperata, non riusciva a lasciare che lo seppellissero, convinta che ci fosse un errore, il giorno prima stava bene e quello dopo non si era svegliato.