di pensieri e diavoli

25 Sep 19

Ieri all’incontro di facciamo pace, abbiamo continuato a parlare del pensiero, e abbiamo parlato di come, spesso, pensiamo di aver capito delle cose, che aggiungiamo alle nostre premesse, senza verificarle prima.

 Una delle possibili spiegazioni che mi piace usare è quella dei diavoli o demoni che ognuno di noi ha e che si mettono insieme fra noi e le nostre situazioni, facendo che le vediamo come problemi, di maggiore o minore gravità.

La percezione che abbiamo delle cose dipende molto da quello che pensiamo, e in questo modo il nostro pensiero si retroalimenta. Penso che le persone sono in un certo modo, vedo le occassioni in cui agiscono in quel modo, e lo penso sempre di più…

Il diavolo, etimologicamente, è un separatore, è qualcuno che ci allontana gli uni dagli altri. Tu tti abbiamo presente l’immagine del diavoletto sulla spalla, che ci dice di essere egoisti e di pensare a noi stessi…

Quello che non tutti sanno è che i demoni si nutrono dei nostri “segreti”, dei “non detti“, di quello che nessun’altro sa. Ci allontanano facendoci sentire soli, speciali e incompresi.

Giocano con la colpa, con il giudizio e con il senso di giustizia, preferibilmente in maniera assoluta e superficiale. Perchè se iniziamo ad indagare niente è così semplice come sembra. Ci sono mille aspetti interrelazionati fra loro e non si riesce mai a capire chi ha iniziato nè come o perchè.

C’eravate? Vi è piaciuto? Spero di si e vi aspetto ai prossimi incontri…

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Se prendete la vostra felicità e la mettete nelle mani di un'altra persona, prima o poi quella persona la distruggerà.

L come libertà (di opinione)

L come libertà (di opinione)

Un’altra parola molto importante per il Vocabolario possitivo e un tema di cui si parla molto in questi giorni è la libertà di espressione, di opinione, che molti pensiamo stia sparendo di nuovo per mano di quelli che fino a poco fa la chiedevano a grandi voci. Quando erano loro a non poter dire quello che pensavano, a essere perseguitati per le loro idee e a essere “contro-corrente”.

rimedio contro la morte

rimedio contro la morte

Dicono che c’era una volta, all’epoca del Buddha, una donna a cui morì il suo unico figlio. La donna era disperata, non riusciva a lasciare che lo seppellissero, convinta che ci fosse un errore, il giorno prima stava bene e quello dopo non si era svegliato.