controproducente

In questi giorni sembra che il mondo dei social ci sia una divisione molto aguerrita tra quelli che non ne possono più di questa situazione e scrivono ovunque “state a casa” e quelli che non ne possono più di quelli scrivono ovunque “state a casa”.

Ammetto che appartengo al secondo gruppo e vorrei spiegare un paio di cose a quelli che appartengono al primo. Posso capire il loro bisogno di parlare e sono d’accordo sul fatto che dobbiamo stare a casa ma, scriverlo sui social non serve proprio a nulla, anzi.

Mi ricorda un po’ tutte le campagne contro l’abbandono dei cani, o i post dei vegani che chiedono di salvare gli animali. Non convincono nessuno, fanno solo male a chi è sensibile e non fanno niente a chi non ha quella sensibilità.

Fare i giudici, gli allarmisti, i complottisti, è una perdita di tempo ed energie, visto che le avete, che le abbiamo, usiamole per qualcosa di costruttivo, troviamo vere soluzioni nuove per i nostri problemi e per quelli degli altri.

Forse la donna che va a fare la spesa due volte al giorno lo fa per sfuggire al marito frustrato e violento, la nonna che esce lo fa per non vedere in ogni angolo della casa quanto è sola da quando è rimasta vedova e il giovane che corre lo fa perchè non ha trovato un altro modo per non pensare al futuro che stava faticando a costruire ed è crollato davanti ai suoi occhi.

Il mio invito è a comprendere che chiunque “sbaglia” lo fa per una ragione e che solo se la conosciamo possiamo offrirgli un consiglio vero, che possa seguire.

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Aver bisogno di essere approvato è come dire: vale più il tuo concetto su di me dell'opinione che ho di me stesso.

Dr. Wayne W. DyerDr. Wayne W. DyerLe tue zone erronee

 

piccole distrazioni

piccole distrazioni

Da inizio settembre mi sono messa a dieta, sono andata da Manuel Turolla, l’autore del libro Il metabolismo intelligente di cui vi avevo parlato. Tra le altre cose, ho smesso di bere cocacola, anche se era zero e di mangiare qualsiasi cosa tra i pasti.

i tre livelli del sè

i tre livelli del sè

Dicono che c’era una volta un saggio insegnante di filosofia, ammirato da tutti i suoi allievi perchè non insegnava solo la storia dei filosofi, ma anche a pensare. Un giorno, quando arrivò in classe i ragazzi erano particolarmente agitati per una frase letta nel bigliettino di un biscotto della fortuna.

La vita davanti a sè (2020)

La vita davanti a sè (2020)

Questa settimana, in questo clima di desunione e di guerra dei poveri mi sono guardata La vita davanti a sè, con una Sofia Loren che arriva al cuore anche alla sua età e un bravissimo Ibrahima Gueye.