Contro il self help (2018)

06 Aug 21

Questa settimana ho letto un libro diverso dal solito, Contro il self help, di Svend Brinkmann, un libro contro la cultura dell’acellerazione in cui viviamo, contro la smania di miglioramento continuo e infinito che alla fine, secondo l’autore, non fa che impoverirci e portarci fuori strada.

Una guida per sopravivere in questo mondo che, con un ritmo di vita in costante accelerazione, ci obbliga, per stare al passo, a muoverci e adattarci, rincorrendo il successo a ogni costo. Perchè questa vita in corsia di sorpasso ha un costo, i livelli di stress e depressione non sono mai stati così alti.

Per Svend Brinkmann, la soluzione passa dal rifiutare il mantra dell’autoaiuto, e imparare a restare quel che siamo. Perciò, con questa vivace guida anti-autoaiuto, in sette passi, ci esorta a trovare dei punti fermi nella nostra vita invece di cercare sempre nuovi ostacoli da superare, ci da un’alternativa convincente al life coaching, al pensiero positivo e al bisogno di dire “sì!” a qualsiasi cosa.

 1. Smetti di guardarti l’ombelico, non esisti solo tu, non tutto gira attorno a te, non tutte le risposte sono dentro di te e non sempre puoi trovarle solo cercando;

2. Concentrati sul negativo, non solo sul positivo, il negativo rinforza e fa crescere, senza è normale sentirsi persi;

3. Indossa il Cappello del no, non bisogna sempre indossare il cappello del si, non sempre il nuovo è meglio;

4. Reprimi i tuoi sentimenti, non sempre bisogna esprimere i propri sentimenti e le emozioni così come arrivano, non siamo solo animali;

5. Licenzia il tuo coach, e cerca degli amici, persone a cui tu piaccia così come sei;

6. Leggi un romanzo, non un libro di autoaiuto o una biografia, un romanzo è una storia con lati positivi e negativi, non un’esortazione a migliorare ad ogni costo;

7. Soff­ermati sul passato, se solo pensi nel futuro potresti finire per ripetere li stessi errori…

L’avete letto? Vi è piaciuto? Raccontatemi la vostra esperienza con il libro… vi va?

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Pensa agli altri, ci dice la società. Ama il prossimo tuo, esorta la Chiesa. A quanto pare, nessuno si ricorda mai del "come te stesso". Se è vero che vuoi conseguire la felicità nel presente, proprio questo, invece, dovrai imparare a fare: amare te stesso.

Dr. Wayne W. DyerDr. Wayne W. DyerLe tue zone erronee

 

la tazzina di caffè

la tazzina di caffè

Dicono che c’era una volta un gruppo di alunni, affermati nelle loro carriere, che andarono tutti insieme a trovare uno dei loro vecchi professori del liceo. Dopo un pò che erano lì la conversazione si trasformò in una serie di lamentele sullo stress del lavoro e della vita.

Pianeta Verde (1995)

Pianeta Verde (1995)

Questa settimana mia mamma mi ha fatto notare che hanno messo su Netflix uno dei film francesi degli anni 90 che io ho sempre adorato: Pianeta verde, di 1996. Uno di quei film, come La Crisi, di critica sociopolitica che ci fa vedere il nostro mondo da un’altro punto di vista.

Il filo invisibile (2022)

Il filo invisibile (2022)

Questa settimana ho visto un film italiano, molto nuovo e che parla di temi nuovi, come l’omogenitorialità, le famiglie arcobaleno, le madri portatrici, insieme ai temi di sempre, gli adolescenti, i problemi dentro e fuori la famiglia, ecc. Si chiama Il filo invisibile e mi è piaciuto molto.