conosci te stesso?

03 Jul 19

Al prossimo incontro di facciamo pace vorrei riflettere su quanto conosciamo noi stessi, a quale livello di profondità e con quale flessibilità… perchè spesso è il modo in cui ci raccontiamo e ci conosciamo la trappola più grande ma anche per un’altra ragione.

Ultimamente si sente spesso dire che Google o Facebook sanno sempre più cose su di noi, che sanno persino più di noi stessi e si propone come soluzione nascondere loro il più possibile per evitare di essere manipolati…

Io ho una proposta diversa, da molto tempo, ed è quella di riprendere il controllo, di conoscermi meglio di quanto mi possano conoscere loro, di scegliere cosa dico e cosa non dico (a loro)… e di sfruttare quello che mi offrono per conoscermi ancora meglio e retroalimentare la mia conoscenza come fanno loro.

Che ne dite? Vi ho incuriositi? Venite all’incontro?

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Jostein GaarderJostein GaarderC'è nessuno?

Quando due persone s’incontrano, e una sta a testa in giù, non è così semplice stabilire chi dei due sta nel verso giusto.

L come libertà (di opinione)

L come libertà (di opinione)

Un’altra parola molto importante per il Vocabolario possitivo e un tema di cui si parla molto in questi giorni è la libertà di espressione, di opinione, che molti pensiamo stia sparendo di nuovo per mano di quelli che fino a poco fa la chiedevano a grandi voci. Quando erano loro a non poter dire quello che pensavano, a essere perseguitati per le loro idee e a essere “contro-corrente”.

rimedio contro la morte

rimedio contro la morte

Dicono che c’era una volta, all’epoca del Buddha, una donna a cui morì il suo unico figlio. La donna era disperata, non riusciva a lasciare che lo seppellissero, convinta che ci fosse un errore, il giorno prima stava bene e quello dopo non si era svegliato.