come ti racconti?

Ieri all’incontro di facciamo pace, come promesso, abbiamo iniziato il discorso sulle differenze fra pensare, credere, sapere, capire, comprendere e giudicare. Tutte le attività che fa la nostra mente e a cui dobbiamo imparare a riconoscere per non cadere nelle sue trappole.

Abbiamo cominciato con il solito ripasso degli incontri precedenti, ripassando l’importanza del pensare per arrivare a quella del modo in cui ci raccontiamo. Ci raccontiamo agli altri, ci raccontiamo a noi stessi. Perchè il modo in cui raccontiamo le cose tende ad avverarsi.

Le cose che raccontiamo, che pensiamo, che crediamo o che crediamo di sapere, filtrano la realtà e ci fanno notare “soprattutto” quello che dimostra il nostro pensiero.

Henry Ford diceva “che tu creda che puoi farlo o che tu creda che non puoi farlo, hai ragione!

Ma non è una magia o un mistero esoterico, è semplicemente che, se io credo di potercela fare farò di tutto per riuscirci e se credo di non potercela fare risparmierò le forze. Se credo di potercela fare cercherò opportunità mentre se credo di non potercela fare cercherò solo scuse.

E non sono ancora arrivata al volere, stiamo ancora solo parlando di potere, di credere di potere, abbiamo appena iniziato il discorso.

Abbiamo parlato di come ci vediamo, ci raccontiamo, dei nostri pregi e aree di miglioramento (altre scuole di pensiero li chiamano diffetti), e di come il modo in cui parliamo di questi ci condiziona.

E abbiamo preparato il terreno per riprendere il prossimo incontro parlando di bisogni e desideri.

C’eravate? Vi è piaciuto? Spero di si e vi aspetto ai prossimi incontri…

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Da qualunque disavventura si può trarre un vantaggio (basta avere la pazienza di cercarlo)

 

flow (1990)

flow (1990)

Ieri mi è arrivato un email che diceva che, finalmente, si può leggere uno dei miei libri preferiti sugli argomenti di cui parliamo normalmente anche in italiano. Sto parlando di Flow di Mihály Csíkszentmihályi, che io ho letto più di vent’anni fa ma di cui ancora non avevo potuto parlarvi.

la gente che e la gente quando

la gente che e la gente quando

Ieri, al nostro incontro, ancora online, di facciamo pace, laboratorio di inmunosuficienza psicologica, abbiamo parlato, come promesso, delle diverse parti di noi e di una tecnica per riconoscerle, per integrarle, ma soprattutto abbiamo parlato del perchè stiamo facendo questi incontri, per diventare dei giocatori livello P.R.O. di questo gioco che è la vita.

la trappola della vittima

la trappola della vittima

Abbiamo parlato molte volte dell’analisi transazionale e di uno dei suoi concetti principali, l’esistenza in ognuno di noi di tre diversi tipi di personalità che riflettono i tre stati dell’io, bambino, adulto e genitore. Oggi voglio parlarvi di un’altro aspetto importante il triangolo psicodrammatico.