Come aprire l’ombrello quando fuori piove mer*a (2018)

21 Jan 22

 Oggi voglio parlarvi di nuovo di un libro di Sarah Knight, l’autrice di Il Magico Potere di Sbattersene il Ca**o, questa volta ho letto Come aprire l’ombrello quando fuori piove mer*a, un’ulteriore invito, con il suo stile,  inconfondibile, divertente e irriverente, a prendere il controllo delle nostre vite.

Sempre con lo stile che la contraddistingue, ci invita a muovere il culo, a smettere di inventarci problemi e scuse, e a risolvere i veri problemi, anche quando sembrano troppo grossi per noi, anche quando ci sembra di non avere il tempo, le forze o le competenze per risolverli.

Tutto si può risolvere con un sistema infallibile, che ci racconta con una metafora molto semplice e molti esempi, sia della vita dell’autrice che di altre persone, e domande para applicare la stessa teoria alla nostra vita.

Il sistema ha tre parole chiave, che, nella metafora diventano i tre semplici strumenti senza i quali non dovremmo mai uscire di casa: primo le chiavi, che rappresentano la strategia, che inizia suddividendo in pezzi molto piccoli, quello che serve per ottenere ogni nostro desiderio, che sia denaro o tempo o qualsiasi altra cosa,  secondo il telefono, che rappresenta la concentrazione, che serve per fare una cosa per volta, affrontare un piccolo passo per volta, e poi il portafogli che rappresenta l’impegno che serve per portare avanti tutte le attività fino al raggiungimento del nostro obbiettivo.

Cominciando dalle cose che non amiamo della nostra vita, perchè è più facile allontanarsi dalle cose che non ci piacciono, il potere del pensiero negativo, e poi verso le cose che vorremmo ma non abbiamo mai provato ad ottenere perchè ci sembravano troppo lontane.

L’avete letto? Vi è piaciuto? Raccontatemi la vostra esperienza con il libro… vi va?

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published.

Una risposta non merita mai un inchino: per quanto intelligente e giusta ci possa sembrare, non dobbiamo mai inchinarci a una risposta.

Jostein GaarderJostein GaarderC'è nessuno?

 

giustizia divina

giustizia divina

giustizia divina

23 May 22

Dicono che c’era una un gruppo di ragazzi molto poveri che, mentre giocava, trovò un sacchettino molto carino con ventisei bacche rosse. Siccome loro erano cinque e la divisione non era esatta, andarono a chiedere alla donna più anziana del villaggio aiuto per dividerle equamente.

La famiglia ideale (2021)

La famiglia ideale (2021)

Questa settimana ho visto un altro film spagnolo su Netflix, La famiglia ideale, con altri due attori spagnoli che adoro, Belén Rueda e Jose Coronado, nei panni di due persone molto diverse che, conoscendosi finiranno per scombinare molte vite.

idealizzare

idealizzare

L’altro giorno stavo parlando con alcune amiche dei problemi di tutti i giorni, ognuna parlava delle cose che faceva fatica a gestire e, quando anche io ho raccontato qualcosa mi hanno guardata malissimo, perchè pensavano che, siccome aiuto le persone a risolvere problemi, io non ne avessi.