amare se stessi

05 Jun 19

La settimana scorsa, all’evento di facciamo pace abbiamo parlato di come riempire la propria vita di amore. Anche prima di trovare con chi condividerlo, anche prima di incontrare qualcuno che ci ami e che ci ispiri amore, dovremmo tutti amare noi stessi. E la settimana prossima ripartiremo da lì.

 Quando si parla di relazioni amorose o di coppia, la maggior parte dei problemi nascono da aspettative non realizzate da parte del partner. Ci aspettiamo che faccia per noi quello che noi stessi non crediamo di poter fare. Ma molte di quelle cose le potremmo fare se solo volessimo, se sapessimo come.

Persino all’inizio, quando le cose potrebbero nascere ma ancora sono delicate, molti si incasinano la vita sperando che l’altro gli capisca, che reagisca esattamente come si aspettano, che dia loro quello di cui hanno bisogno, che ami loro come non si amano da soli.

Questo, però, difficilmente può funzionare a lungo. Perchè se non ci amiamo, se non ci prendiamo cura di noi stessi per prima, tutto quello che daremo sarà avvellenato, tutto quello che daremo sarà per ottenere qualcosa e se non riusciamo ci farà stare male.

La soluzione è l’amore incondizionato. Iniziando dall’amare se stessi e dal definire concretamente cosa vuol dire veramente amore per noi, per poi potere imparare quanto amore siamo in grado di darci. E finalmente usare l’amore verso noi stessi come allenamento per l’amore verso qualcun’altro.

Cosa ne pensate? C’eravate all’incontro? Qualcosa da aggiungere? Venite al prossimo che continueremo il discorso…

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Dr. Wayne W. DyerDr. Wayne W. Dyeril mio sacro destino

Se devi scegliere tra avere ragione o essere gentile, scegli sempre di essere gentile.

L come libertà (di opinione)

L come libertà (di opinione)

Un’altra parola molto importante per il Vocabolario possitivo e un tema di cui si parla molto in questi giorni è la libertà di espressione, di opinione, che molti pensiamo stia sparendo di nuovo per mano di quelli che fino a poco fa la chiedevano a grandi voci. Quando erano loro a non poter dire quello che pensavano, a essere perseguitati per le loro idee e a essere “contro-corrente”.

rimedio contro la morte

rimedio contro la morte

Dicono che c’era una volta, all’epoca del Buddha, una donna a cui morì il suo unico figlio. La donna era disperata, non riusciva a lasciare che lo seppellissero, convinta che ci fosse un errore, il giorno prima stava bene e quello dopo non si era svegliato.