amare o non amare

21 Aug 19

Molte persone decidono di smettere di amare, dopo delle serie più o meno lunghe di frustrazioni e di rapporti che non sono andati come speravano. Dimenticano che rinunciare ad amare è come rinunciare a respirare, a mangiare o a bere.

Non si rendono conto che l’amore è qualcosa che fa bene a chi ama ed è un bisogno naturale, anche se non viene corrisposto, anche se non riceviamo niente in cambio. L’amore è il motore che muove il mondo.

E non mi riferisco solo all’amore di coppia, all’amore romantico ed esclusivo che ci fa vivere in funzione di un’altra persona. Nemmeno a quello che sentiamo per i figli, che funziona in un modo molto simile.

Mi riferisco all’amore che ci rende più leggeri, quello che ci fa svegliare col sorriso al mattino e scoprire delle forze e delle energie che non sapevamo di avere. Ad un amore che è desiderio di vita, che è piacere senza giudizio e accettazione pura.

Quell’amore che è fiducia e non ha bisogno di controllo. Ed è un amore che non è indirizzato verso nessuno in concreto perciò non si aspetta nulla del prossimo. Anzi, se vogliamo è indirizzato a noi stessi perciò dipende solo da noi coglierlo e ricambiarlo…

Per questo nel LOVE LAB partiremo dall’amore verso se stessi e verso la vita, prima di poter passare ad altri livelli più complessi, che, se affrontati imprepararti possono lasciare un gusto amore in bocca.

Vi ho incuriosito? Spero di si, vi aspetto ai prossimi incontri…

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Dr. Wayne W. DyerDr. Wayne W. DyerLe tue zone erronee

La felicità è facile, ma imparare a non essere infelici può essere arduo.

L come libertà (di opinione)

L come libertà (di opinione)

Un’altra parola molto importante per il Vocabolario possitivo e un tema di cui si parla molto in questi giorni è la libertà di espressione, di opinione, che molti pensiamo stia sparendo di nuovo per mano di quelli che fino a poco fa la chiedevano a grandi voci. Quando erano loro a non poter dire quello che pensavano, a essere perseguitati per le loro idee e a essere “contro-corrente”.

rimedio contro la morte

rimedio contro la morte

Dicono che c’era una volta, all’epoca del Buddha, una donna a cui morì il suo unico figlio. La donna era disperata, non riusciva a lasciare che lo seppellissero, convinta che ci fosse un errore, il giorno prima stava bene e quello dopo non si era svegliato.