Yes man (2008)

Oggi torniamo a parlare di un film con Jim Carrey, Yes man, un invito all’azione. Un invito a non arrenderci mai, a non chiuderci in noi stessi, a non lasciare che le difficoltà ci fermino, a non lasciare che la vita vada avanti guardandola come semplici spettatori, per paura, o paura della paura, o paura della paura della paura…

Il film racconta la storia di un uomo, Carl Allen, che è stato contagiato dalla paura, e soprattutto dall’apatia dominante nei nostri giorni. Preferisce non rischiare, non uscire, non provarepiaceredolore… Il suo lavoro come “valutatore” di richieste di prestito, a cui dice sempre no per  una ragione o per l’altra… dopo che l’ha lasciato la moglie, cade in depressione e porta questo no a tutti gli aspetti della vita. Trova sempre delle scuse per evitare qualsiasi invito.

Finchè la vita gli offre un’opportunità, dopo uno scontro con un amico che gli dice “finirai solo come un cane“, sempre per paura, decide di partecipare ad un evento a cui l’aveva invitato un amico che non vedeva da tempo, con un motivatore la cui formula per la felicità consiste nell’uso esagerato di una sola parola: “SI“. Secondo questo coach, scatenare il potere della parola “SI“, dire di si a tutto e a tutti, come dice lui “Una parola può cambiare tutto!

Insoddisfatto  della sua vita decide di diventare anche lui uno yes man, e inizia a dire di si, letteralmente a tutto, dalle cose più stupide a quelle più terrificanti. E questo lo porta a vivere delle avventure, a conoscere delle persone, a trovare l’amore, persino ad una promozione in ufficio. E alla fine a conoscere se stesso VIVENDO… Dice a tutti di si fino a quandosi accorge di quello che vuole veramente

L’avete visto? Vi è piaciuto? Cosa vi ha colpito di più?

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Annusa spesso il formaggio così da sapere quando sta invecchiando

 

l’arte di pensare chiaro (2014)

l’arte di pensare chiaro (2014)

Oggi voglio parlarvi di nuovo di un libro di Robin Sharma, Il club delle cinque del mattino, un romanzo meraviglioso che parla del tempo che molti sentiamo che non è mai abbastanza, per fare tutto quello che vogliamo e per farlo bene, di dove trovarlo, e di come sfruttarlo al meglio.

l’erba cattiva (2018)

l’erba cattiva (2018)

Anche questa settimana, e sempre per caso su Nextflix, ho visto un film francese molto simpatico, L’erba cattiva, una riflessione molto carina su come possiamo superare le difficoltà, per grosse che esse siano, con l’aiuto di qualcuno che non ha i nostri stessi problemi, anche se ha degli altri.

giocatori PRO

giocatori PRO

Ieri, al nostro incontro, ancora online, di facciamo pace, laboratorio di inmunosuficienza psicologica, abbiamo parlato, come promesso, delle diverse parti di noi e di una tecnica per riconoscerle, per integrarle, ma soprattutto abbiamo parlato del perchè stiamo facendo questi incontri, per diventare dei giocatori livello P.R.O. di questo gioco che è la vita.

l’università del traffico

l’università del traffico

La settimana scorsa, in un corso di abbondanza, per la prima volta ho sentito parlare dell’università del traffico, si diceva che era la soluzione migliore per prepararci quando si vuole cambiare la propria vita, soprattutto per il suo prezzo contenuto sia in denaro che in tempo.

la bicicletta

la bicicletta

Dicono che c’era una volta un piccolo popolo che abitava isolato in mezzo alle montagne, molto lontano da tutto e da tutti. Erano persone semplici e collegate alla terra, ai suoi ritmi e ai suoi cicli, ma avevano pochi contatti con l’esterno e pochissima tecnologia.