yes day (2021)

Anche qesta settimana, per caso su Nextflix, ho visto un film molto simpatico, Yes day, con Jennifer Garner e Edgar Ramírez. Una storia su quei “no” che molti genitori che credono di dover dire in continuazione, per proteggere i loro figli e su come vengono percepiti.

Racconta la storia di una coppia che, mentre erano soli, dicevano di si a qualunque proposta, per pazza che potesse sembrare, ma che, da quando sono diventati genitori hanno imparato a dire no a qualunque cosa. Soprattutto la mamma, da manuale, perchè il papà fa il poliziotto buono e le lascia il lavoro sporco…

Fino a quando qualcuno propone loro di calmare i ragazzi con un yes day, un giorno in cui lasceranno perdere quasi tutte le regole e diranno di si a tutto. In un certo senso ricorda al Yes Man, già dal titolo, anche se questa volta la dualità non è tra apatia e vita, ma tra i diversi bisogni dei figli, non solo di protezione ma anche di divertimento, fiducia, di fare prove e di sbagliare per poter imparare, ecc.

Se non l’avete visto, ve lo consiglio, a me è piaciuto veramente tanto, se l’avete visto, ditemi cosa vi ha fatto pensare.

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Quando superi le tue paure, ti senti libero...

 

flow (1990)

flow (1990)

Ieri mi è arrivato un email che diceva che, finalmente, si può leggere uno dei miei libri preferiti sugli argomenti di cui parliamo normalmente anche in italiano. Sto parlando di Flow di Mihály Csíkszentmihályi, che io ho letto più di vent’anni fa ma di cui ancora non avevo potuto parlarvi.

la gente che e la gente quando

la gente che e la gente quando

Ieri, al nostro incontro, ancora online, di facciamo pace, laboratorio di inmunosuficienza psicologica, abbiamo parlato, come promesso, delle diverse parti di noi e di una tecnica per riconoscerle, per integrarle, ma soprattutto abbiamo parlato del perchè stiamo facendo questi incontri, per diventare dei giocatori livello P.R.O. di questo gioco che è la vita.

la trappola della vittima

la trappola della vittima

Abbiamo parlato molte volte dell’analisi transazionale e di uno dei suoi concetti principali, l’esistenza in ognuno di noi di tre diversi tipi di personalità che riflettono i tre stati dell’io, bambino, adulto e genitore. Oggi voglio parlarvi di un’altro aspetto importante il triangolo psicodrammatico.