yes day (2021)

25 Mar 21

Anche qesta settimana, per caso su Nextflix, ho visto un film molto simpatico, Yes day, con Jennifer Garner e Edgar Ramírez. Una storia su quei “no” che molti genitori che credono di dover dire in continuazione, per proteggere i loro figli e su come vengono percepiti.

Racconta la storia di una coppia che, mentre erano soli, dicevano di si a qualunque proposta, per pazza che potesse sembrare, ma che, da quando sono diventati genitori hanno imparato a dire no a qualunque cosa. Soprattutto la mamma, da manuale, perchè il papà fa il poliziotto buono e le lascia il lavoro sporco…

Fino a quando qualcuno propone loro di calmare i ragazzi con un yes day, un giorno in cui lasceranno perdere quasi tutte le regole e diranno di si a tutto. In un certo senso ricorda al Yes Man, già dal titolo, anche se questa volta la dualità non è tra apatia e vita, ma tra i diversi bisogni dei figli, non solo di protezione ma anche di divertimento, fiducia, di fare prove e di sbagliare per poter imparare, ecc.

Se non l’avete visto, ve lo consiglio, a me è piaciuto veramente tanto, se l’avete visto, ditemi cosa vi ha fatto pensare.

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published.

Nella vita non ci sono errori, solo lezioni. Non esiste qualcosa che si possa chiamare esperienza negativa, ma occasioni per crescere, imparare e procedere lungo la strada del dominio di sé. Anche il dolore può essere un meraviglioso maestro

 

Il filo invisibile (2022)

Il filo invisibile (2022)

Questa settimana ho visto un film italiano, molto nuovo e che parla di temi nuovi, come l’omogenitorialità, le famiglie arcobaleno, le madri portatrici, insieme ai temi di sempre, gli adolescenti, i problemi dentro e fuori la famiglia, ecc. Si chiama Il filo invisibile e mi è piaciuto molto.

Little Miss Sunshine (2006)

Little Miss Sunshine (2006)

Oggi ho visto di nuovo Little Miss Sunshine, uno di quei film che posso vedere una volta ogni tanto e mi fa commuovere sempre. La storia di una bambina di sette anni con un sogno, diventare reginetta di bellezza, ignorando ingenuamente che il suo aspetto non rientri nei canoni di bellezza richiesti.