Words and Pictures (2013)

Questa settimana ho letto su facebook che qualcuno aveva visto Words and Pictures, con Clive Owen e Juliette Binoche, e mi sono incuriosita, l’ho visto su rayplay e mi è proprio piaciuto. Un film che fa riflettere sull’importanza delle parole e delle immagini.

Racconta la storia di Jack Marcus, un docente di inglese, con un passato da scrittore di talento, ormai inaridito dal alcol e dai sensi di colpa, che combatte da tempo una lotta contro la dipendenza dei giovani dai media, dai voti, e dalle opinioni degli altri, contro la superficialità e la fretta che portano i suoi studenti a sprecare il valore delle parole.

Ad un certo punto arriva nella sua scuola la professoressa Dina Delsanto, che ha in comune con lui il desiderio di salvare i ragazzi dalla mediocrità per insegnare arte e finisce per accettare la sua provocazione per coinvolgere i ragazzi in una gara tra parole e immagini per dimostrare quali sono più potenti. Alla fine tutti impareranno che l’unione fa la forza.

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

È più sicuro cercare nel labirinto che rimanere in una situazione senza formaggio

 

contenitore e contenuto

contenitore e contenuto

Dicono che c’era una volta un uomo molto ricco che chiese al monastero del suo paese una funzione religiosa per conmemorare la morte del padre avvenuta l'anno prima. Disse che, siccome la sua famiglia era notevole e molto generosa, volevano che fosse ufficiata dal...

Gli ordini dell’aiuto (2007)

Gli ordini dell’aiuto (2007)

Questa settimana, ho letto Gli ordini dell’aiuto di Bert Hellinger. Un libro che  parla dell’aiuto, dal punto di vista sistemico, e delle regole per aiutare con  il metodo delle Costellazioni Familiari e connettendosi con il sistema, con la coscienza collettiva, per integrare gli aspetti e i personaggi ignorati in ogni situazione.

Hereafter (2010)

Hereafter (2010)

Questa settimana ho guardato Hereafter, un film diretto da Clint Eastwood e protagonizzato, tra altri, da un grandioso Matt Damon. Un film sulla vita e la morte, sulla linea sottile che le separa, sulle persone che possono attraversarla, con esperienze premorte o sentendo delle voci dall’altro lato.