What women want (2000)

La settimana scorsa, dopo che ve ne ho parlato, mi sono guardata di nuovo What women want, del 2000. Erano tempi in cui le donne iniziavano timidamente ad reivindicare un ruolo più attivo da quello “tradizionale”, al lavoro e nella vita e questo spaventava alcuni uomini… 

Un film che parla dei non detti delle donne, quelle cose che si tengono per se, soprattutto per paura di essere giudicare dagli uomini come deboli o peggio. Per nascondere una fragilità che non è permessa, ma che è parte della propria bellezza.

Il protagonista si trova a leggere nel pensiero di ogni donna che incontra, dalla figlia adolescente, alle colleghe, alla capa di cui finirà per innamorarsi perchè, in fondo, è una commedia romantica.

La cosa più bella è che, alla fine, lui che parte da cavernicolo che non si è mai preoccupato di capire cosa avesse dentro le donne, che le tratta come oggetti; finisce per scoprire che tutti abbiamo desideri, aspettative, frustrazioni e delusioni simili. E, in più, molte donne devono fare il doppio per farsi rispettare.

Se non l’avete visto, ve lo consiglio, è proprio simpatico e, volendo, d’ispirazione.

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

È più sicuro cercare nel labirinto che rimanere in una situazione senza formaggio

 

Tu puoi cambiare la tua vita (2018)

Tu puoi cambiare la tua vita (2018)

Anche questa settimana mi sono letta un libro di Emmet Fox, meraviglioso, Tu puoi cambiare la tua vita. Un libro sulla preghiera scientifica come soluzione a tutti problemi della vita, come una forma di chiedere aiuto a qualcuno più potente e più utile.

10 regole per fare innamorare (2012)

10 regole per fare innamorare (2012)

Questa settimana mi sono guardata, sempre su Netflix, un’altra commedia francese sui problemi delle famiglie di oggi giorno, sulle pressioni a cui ci sottopone la società, sempre più esigente soprattutto con le apparenze: Guida alla famiglia perfetta.

il momento giusto

il momento giusto

Dicono che c’era una volta un professore universitario molto amato per la comprensione che dimostrava, non solo della sua materia, ma anche del mondo in cui viviamo, che un giorno vide arrivare tardi in classe uno dei suoi allievi preferiti. Era in ritardo e si vedeva che si sentiva in colpa.