volere e temere

Ci sono molti coach, che io preferisco chiamare “motivatori” che dicono “se ti fa paura, vuol dire che devi farlo“. Non sono del tutto d’accordo. Mi sembra che si stia esagerando con la capacità di semplificare. Per me la frase sarebbe “se lo vuoi, se ti ispira, se ti sfida, ma ti fa paura, non lasciare che sia la paura a fermarti“.

Non so a voi, ma a me fa un effetto completamente diverso. Non è che devo fare tutte le cose che mi fanno paura, sarebbe assurdo. La paura ha proprio la funzione di aiutarci a tenere salva la vita che è qualcosa di importante.

È vero che, spesso, per com’è costruito il mondo in cui viviamo, abbiamo un po’ troppe paure e rischiamo di essere bloccati da queste. Rischiamo di finire in una stasi in cui non moriamo ma nemmeno viviamo.

La mente, con quella sua capacità di reagire allo stesso modo sia alla realtà che alle sue proprie creazioni, rischia di inmobilizzarci per paura della paura della paura.

Siamo abituati a sentirci piccoli e indifesi perchè ascoltiamo soprattutto le voci della squadra dell’EGO e non siamo allenati a sentire quelle della squadra dell’anima. E così sta andando il mondo, sempre più egoista e, secondo molti, verso l’estinzione dell’essere umano come lo conosciamo.

La buona notizia è che possiamo sempre dare la priorità nel nostro tempo, nei nostri pensieri, nelle nostre conversazioni e azioni, alle cose che vogliamo. Senza perdere di vista le cose da temere, ma senza dare loro il controllo della barca. Imparando a gestirle come dei rischi.

Vi va di provare?

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Se devi scegliere tra avere ragione o essere gentile, scegli sempre di essere gentile.

Dr. Wayne W. DyerDr. Wayne W. Dyeril mio sacro destino

 

flow (1990)

flow (1990)

Ieri mi è arrivato un email che diceva che, finalmente, si può leggere uno dei miei libri preferiti sugli argomenti di cui parliamo normalmente anche in italiano. Sto parlando di Flow di Mihály Csíkszentmihályi, che io ho letto più di vent’anni fa ma di cui ancora non avevo potuto parlarvi.

la gente che e la gente quando

la gente che e la gente quando

Ieri, al nostro incontro, ancora online, di facciamo pace, laboratorio di inmunosuficienza psicologica, abbiamo parlato, come promesso, delle diverse parti di noi e di una tecnica per riconoscerle, per integrarle, ma soprattutto abbiamo parlato del perchè stiamo facendo questi incontri, per diventare dei giocatori livello P.R.O. di questo gioco che è la vita.

la trappola della vittima

la trappola della vittima

Abbiamo parlato molte volte dell’analisi transazionale e di uno dei suoi concetti principali, l’esistenza in ognuno di noi di tre diversi tipi di personalità che riflettono i tre stati dell’io, bambino, adulto e genitore. Oggi voglio parlarvi di un’altro aspetto importante il triangolo psicodrammatico.