Voglio una vita a forma di me (2018)

Parlando di sirene e balene, oggi ho guardato Voglio una vita a forma di me, con Danielle Macdonald e Jennifer Aniston, che racconta la storia di una ragazzarotonda” e i suoi problemi con il suo peso e con le persone che la circondano.

Una ragazzina cresciuta da una zia, anche lei “rotonda” perchè la mamma, ex reginetta di bellezza, era troppo occupata a lavorare. Cresciuta a gioia, indifferenza delle opinioni degli altri e con musiche di Dolly Parton.

Decide di partecipare ad un concorso di bellezza come omaggio alla zia scomparsa per dimostrare qualcosa a tutti, ma… come nelle storie migliori, alla fine sarà lei ad imparare che i pregiudizi non sono solo nella testa degli altri..

Veramente bello, se non l’avete visto, ve lo consiglio…

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Qualunque cosa ti capiti nella vita, tu solo hai la facoltà di decidere come reagire. Se ti abitui a cercare in ogni situazione il lato positivo, la qualità della tua vita sarà più elevata e più ricca. Questa è una delle leggi più importanti della natura

 

Prendi in mano la tua vita (2020)

Prendi in mano la tua vita (2020)

Questa settimana mi è caduto tra le mani un libro di Ettore Amato, Prendi in mano la tua vita: 11 passi per realizzare i tuoi sogni. Mi è piaciuto veramente tanto, è un bel rissunto di tante strategie e tecniche, frutto del suo lavoro, raccontato in maniera molto semplice e pieni di esercizi pratici.

Momenti di trascurabile felicità (2019)

Momenti di trascurabile felicità (2019)

Questa settimana, per caso su Nextflix, ho visto un bellissimo film italiano, Momenti di trascurabile felicità, diretto da Daniele Luchetti, con Pif e Thony, basato sull’omonimo libro di Francesco Piccolo sulla vita e la morte, sulle scelte che facciamo quando pensiamo di vivere per sempre.

due domande

due domande

Ieri, al nostro incontro, ancora online, di facciamo pace, laboratorio di inmunosuficienza psicologica, abbiamo parlato di potere, di quelle cose che vorremmo fare ma non facciamo, perchè crediamo di non potere o di non dovere fare.