vendere l’anima al diavolo

30 Nov 21

Quando diciamo di qualcuno che “ha venduto l’anima al diavolo”, normalmente, parliamo di qualcuno che ha molto successo, che è molto bravo in qualcosa, che ha accumulato tanti soldi o che sembra non invecchiare… Vengono visti come dei vincenti, anche se questa è una lettura molto superficiale.

Non ho mai sentito nessuno parlare del dolore che può portare un uomo a volere siglare un accordo del genere, della disperazione che può portare una persona a rinunciare al futuro più a lungo termine che esista per poter avere un presente migliore.

Continuiamo a fermarci alla superficialità e a confondere le apparenze con la sostanza, vediamo delle persone che fanno dimostrazioni di forza e crediamo che siano persone forti. Vediamo delle persone che si comportano in maniera aggressiva e pensiamo che l’aggressività parta da loro. Non ci chiediamo da dove arrivi, come l’abbiano accumulata, chi sia stato aggressivo con loro prima.

Ogni risposta esagerata all’ambiente è frutto di un ambiente esagerato in cui si è sviluppata. A noi sembra sproporzionata perchè vediamo solo l’esplosione finale del processo e non conosciamo come si è sviluppata. Spesso confondiamo le reazioni con iniziative, ma sono convinta che nessuno si comporta male se crede di poter comportarsi bene. È una questione di economia e di sforzi.

La buona notizia è che possiamo vedere oltre, che possiamo osservare oltre quello che vede la maggioranza, e avere una marcia in più. Quando tutti si fermano alla superficie, quando la superficie diventa limitante, se noi andiamo oltre possiamo trovare potenzialità nascoste.

Il mio invito possitivo di oggi è proprio a capire che c’è qualcosa oltre a quello che vediamo, a smettere di insistere e di spingere quando vediamo che non serve a niente, e a cercare la chiave e il buco della serratura che può permetterci di aprire la porta. Che ne dite? Vi va?

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Non puoi evitare che tristezza e paura ti volino attorno; quello che puoi evitare è che si costruiscano un nido nella tua testa.

 

la tazzina di caffè

la tazzina di caffè

Dicono che c’era una volta un gruppo di alunni, affermati nelle loro carriere, che andarono tutti insieme a trovare uno dei loro vecchi professori del liceo. Dopo un pò che erano lì la conversazione si trasformò in una serie di lamentele sullo stress del lavoro e della vita.

Pianeta Verde (1995)

Pianeta Verde (1995)

Questa settimana mia mamma mi ha fatto notare che hanno messo su Netflix uno dei film francesi degli anni 90 che io ho sempre adorato: Pianeta verde, di 1996. Uno di quei film, come La Crisi, di critica sociopolitica che ci fa vedere il nostro mondo da un’altro punto di vista.

Il filo invisibile (2022)

Il filo invisibile (2022)

Questa settimana ho visto un film italiano, molto nuovo e che parla di temi nuovi, come l’omogenitorialità, le famiglie arcobaleno, le madri portatrici, insieme ai temi di sempre, gli adolescenti, i problemi dentro e fuori la famiglia, ecc. Si chiama Il filo invisibile e mi è piaciuto molto.