va bene così

In questo momento storico ci sono molte persone, anche citando testi spirituali e sacri, che, con la scusa del pensiero positivo, ci propongono un atteggiamento “menefreghista” come unica alternativa per essere felici in un mondo che sembra quasi tutto storto.

 Io non sono d’accordo. Credo che il pensiero positivo sia tutta un’altra cosa. Infatti, da straniera che faceva fatica con le doppie ho sempre detto pensiero possitivo, mi suonava meglio e solo da poco ho capito (o inventato) un perchè.

Per me il pensiero possitivo è più sul possibilistico. È un pensiero realistico, neutrale e curioso. Non è ciecamente ottimista, e non è un accontentarsi per godere, anzi!

Potremmo dire che ci sono tre modi di dire “va bene così”:

  • il primo è accontentarsi, dire che va tutto bene e che non vogliamo nient’altro, nasconde un pensiero tipo “non posso chiedere di meglio perciò mi tengo questo”;
  • il secondo è fregarsene, nasconde un pensiero tipo “non mi interessa, non è un problema mio” ma è molto simile al primo, ci fa sembrare forti ma in raltà ci indebolisce;
  • il terzo è quello di gioire, quello che vi propongo è di trovare qualcosa di cui essere felici. Non dico che dobbiamo essere felici delle cose brutte, ma che la vita è così complessa che non possiamo mai dire “va tutto bene” o “va tutto male”, perciò c’è sempre qualcosa di buono di cui sentirci “felici” e “forti”

Che ne dite? Proviamo?!

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Nella vita non ci sono errori, solo lezioni. Non esiste qualcosa che si possa chiamare esperienza negativa, ma occasioni per crescere, imparare e procedere lungo la strada del dominio di sé. Anche il dolore può essere un meraviglioso maestro

 

andata e ritorno

andata e ritorno

Ieri sera, al nostro incontro online di facciamo pace, laboratorio di inmunosuficienza psicologica, come promesso, abbiamo parlato della dualità e di come gestirla, e abbiamo parlato di come si può appliccare il concetto al doppio percorso della scuola della vita.

l’aureola troppo stretta

l’aureola troppo stretta

Dicono che c’era una volta un saggio insegnante di filosofia, ammirato da tutti i suoi allievi perchè non insegnava solo la storia dei filosofi, ma anche a pensare. Un giorno, quando arrivò in classe i ragazzi erano particolarmente agitati per una frase letta nel bigliettino di un biscotto della fortuna.

Il talento del calabrone (2020)

Il talento del calabrone (2020)

Questa settimana, mi sono guardata Il talento del calabrone, su primevideo, con Sergio Castellitto, Lorenzo Richelmy, e Anna Foglietta. Una storia un po’ all’americana, ho letto da qualche parte, molto avvincente e con finale a sorpresa.