V per vendetta (2005)

Questa settimana, voglio parlarvi di un film V per Vendetta, con Natalie Portman  e Hugo Weaving, che racconta una meravigliosa storia di speranza e disperazione ambientata in un Inghilterra del futuro despotico. Un film che è diventato un classico al punto che mi sono stupita fosse così recente. 

Diffatto, la maschera di Guy Fawkes è diventata per molti un’espressione da usare nelle proteste contro la tirannia, contro l’oppressione, contro la manipolazione dei potenti, ecc. 

Vi parlo del film perchè racconta molte storie in una e sono una più interessante dell’altra, sopra a tutte le altre c’è la storia di amore fra i protagonisti, un po’ una versione della bella e la bestia, una storia di sindrome di Stocolma, in cui lei prima lo odia e poi lo ama, quando capisce il suo dolore.

Poi c’è la storia dell’attacco terrorista che ha portato le masse a accettare (per paura) un regime completamente disumano che fa come tanti che ci sono stati nella realtà, da Hitler ai più recenti. E di come scienziati e altri hanno collaborato a crearlo mossi da motivazioni piò o meno egoistiche, più o meno consapevoli di quello che stavano facendo.

Quella della tortura “finta”, per fare comprendere le motivazioni alla ragazza, in profondità, per farla ritrovare quella forza della disperazione che normalmente ci manca.

E, infine, quella delle masse, quella dei poliziotti, quella di tutti quelli che credono quello che viene detto loro e che lo difendono a spada tratta, che ne traggano benefici o meno.

Tutta una riflessione sul potere delle parole, delle idee, degli schemi più grandi… e della possibilità di crederci o meno, in quel nostro ultimo centimetro di libertà.

Lo avete visto? Vi è piaciuto? Se no, ve lo consiglio…

0 Comments

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Una risposta non merita mai un inchino: per quanto intelligente e giusta ci possa sembrare, non dobbiamo mai inchinarci a una risposta.

Jostein GaarderJostein GaarderC'è nessuno?

 

per quale Dio lavori?

per quale Dio lavori?

Nelle religioni polteiste ci sono più dei e si può scegliere a quale Dio dirigersi in ogni momento. Nelle religioni monotesite c’è la chiesa che ci racconta la storia di Dio, una storia che è unica, ma ognuno di noi, dopo la personalizza e può farsi un idea di Dio completamente personale.

un campo di lamponi

un campo di lamponi

Dicono che c’era una volta un gruppo di ragazzi che, ogni anno, cercava un luogo per fare una settimana di campeggio in una delle valli che circondavano la loro città. Un estate, per caso, trovarono un posto fantastico vicino ad un campo di lamponi.

Mi faccio una promessa (2020)

Mi faccio una promessa (2020)

Con l’arrivo delle vacanze mi torna sempre il desiderio di ordine in casa. Quest’anno ho letto Mi faccio una promessa, entro tre mesi la mia casa sarà uno spettacolo, trovato per caso tra le novità di Amazon Kindle Unlimited.

Il principe dimenticato (2020)

Il principe dimenticato (2020)

Oggi mi sono guardata di nuovo un film con Omar Sy, il principe dimenticato, come in famiglia all’improvviso, una bellissima storia di un padre e di sua figlia. In questo caso, ambientata in due mondi, quello reale e quello della fantasia.