V per vendetta (2005)

04 Jul 19

Questa settimana, voglio parlarvi di un film V per Vendetta, con Natalie Portman  e Hugo Weaving, che racconta una meravigliosa storia di speranza e disperazione ambientata in un Inghilterra del futuro despotico. Un film che è diventato un classico al punto che mi sono stupita fosse così recente. 

Diffatto, la maschera di Guy Fawkes è diventata per molti un’espressione da usare nelle proteste contro la tirannia, contro l’oppressione, contro la manipolazione dei potenti, ecc. 

Vi parlo del film perchè racconta molte storie in una e sono una più interessante dell’altra, sopra a tutte le altre c’è la storia di amore fra i protagonisti, un po’ una versione della bella e la bestia, una storia di sindrome di Stocolma, in cui lei prima lo odia e poi lo ama, quando capisce il suo dolore.

Poi c’è la storia dell’attacco terrorista che ha portato le masse a accettare (per paura) un regime completamente disumano che fa come tanti che ci sono stati nella realtà, da Hitler ai più recenti. E di come scienziati e altri hanno collaborato a crearlo mossi da motivazioni piò o meno egoistiche, più o meno consapevoli di quello che stavano facendo.

Quella della tortura “finta”, per fare comprendere le motivazioni alla ragazza, in profondità, per farla ritrovare quella forza della disperazione che normalmente ci manca.

E, infine, quella delle masse, quella dei poliziotti, quella di tutti quelli che credono quello che viene detto loro e che lo difendono a spada tratta, che ne traggano benefici o meno.

Tutta una riflessione sul potere delle parole, delle idee, degli schemi più grandi… e della possibilità di crederci o meno, in quel nostro ultimo centimetro di libertà.

Lo avete visto? Vi è piaciuto? Se no, ve lo consiglio…

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Nelle mani di chi regala un fiore rimane sempre un po’ di profumo

 

Aspettando i soccorsi

Aspettando i soccorsi

Dicono che c’era una volta una miniera in cui ci fu un crollo che lasciò isolati sei minatori che lavoravano in una galleria molto profonda estraendo minerali dalle viscere della Terra. L’uscita del tunnel era sigillata. Si guardarono l’un l’altro in silenzio, valutando la situazione.

Fake news: sicuri che sia falso? (2018)

Fake news: sicuri che sia falso? (2018)

Quando mi chiedono perchè parlo di plandemia e rispondo che non mi convince la narrativa, è dovuto anche a che ho letto libri come questo Fake news: sicuri che sia falso? Gestire disinformazione, false notizie e conoscenza deformata, di Andrea Fontana, che mi hanno insegnato a vedere in maniera diversa le notizie.

Encanto (2021)

Encanto (2021)

Per la settimana del mio compleanno voglio parlarvi dell’ultimo film Disney che ho visto, Encanto, un film ambientato nella bellissima Colombia, che parla di una famiglia speciale e magica, in cui ogni membro riceve un dono all’età di cinque anni, tranne Mirabel, che non ha avuto quella fortuna.

Letargo

Letargo

Per me l’inizio di quest’anno è stato difficile, sono stata male fisicamente, prima con una pesante influenza e poi con quella che sembrava una intossicazione alimentare, non ho avuto febbre ma sono stata la maggior parte del tempo a letto.