Unknown – senza identità (2011)

12 Aug 21

Questa settimana, mi sono guardata un’altro film, anche stavolta su Netflix, con Liam Neeson, Unknown – Senza Identità, un film avvincente, con tutti gli ingredienti del giallo psicologico ma non solo… con un giro nella storia più o meno a metà e un finale che ho adorato.

La storia inizia con una coppia di americani che arriva a Berlino per partecipare ad un prestigioso convegno di biotecnologia. Ma, mentre lei fa il check in, lui scopre di aver perso una valigia in aeroporto, prende un taxi per tornare a prenderla e finisce in un inccidente. Quando si sveglia scopre che un’altro uomo ha preso il suo posto, nella conferenza e con la moglie e che qualcuno cerca di ucciderlo. Alla fine scopre di essere una spia e di essersi svegliato credendo che fosse vera la sua ultima copertura.

Ve ne parlo perchè ho amato tanto quello che succede quando scopre chi è veramente, perchè, dopo un attimo di senso di colpa in cui dice alla ragazza che avrebbe dovuto lasciarlo morire in quel taxi, decide di prendere la sua aituazione come una nuova opportunità, per sfruttare tutte le sue conoscenze e capacità per un nuovo obbiettivo, per un nuovo futuro.

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Secondo accordo: Non prendere nulla in modo personale. Anche al centro dell’inferno, sperimenterete pace interiore e felicità. Starete nella vostra beatitudine e l’inferno non potrà toccarvi.

Don Miguel RuizDon Miguel RuizI Quattro Accordi

 

la tazzina di caffè

la tazzina di caffè

Dicono che c’era una volta un gruppo di alunni, affermati nelle loro carriere, che andarono tutti insieme a trovare uno dei loro vecchi professori del liceo. Dopo un pò che erano lì la conversazione si trasformò in una serie di lamentele sullo stress del lavoro e della vita.

Pianeta Verde (1995)

Pianeta Verde (1995)

Questa settimana mia mamma mi ha fatto notare che hanno messo su Netflix uno dei film francesi degli anni 90 che io ho sempre adorato: Pianeta verde, di 1996. Uno di quei film, come La Crisi, di critica sociopolitica che ci fa vedere il nostro mondo da un’altro punto di vista.

Il filo invisibile (2022)

Il filo invisibile (2022)

Questa settimana ho visto un film italiano, molto nuovo e che parla di temi nuovi, come l’omogenitorialità, le famiglie arcobaleno, le madri portatrici, insieme ai temi di sempre, gli adolescenti, i problemi dentro e fuori la famiglia, ecc. Si chiama Il filo invisibile e mi è piaciuto molto.