Un sacco di castagne

Dicono che c’erano una volta due fratelli che he vivevano in campagna con la loro famiglia. Il più grande, un giorno, decise di andare a raccogliere delle castagne. Quando vide che i primi ricci erano molto grossi e ne aprì uno e vide che c’erano tre castagne pensò di essere molto fortunato.

Si mise i guanti per non pungersi, aprì il suo sacco di tela ed iniziò a riempirlo di ricci di castagna. Mentre tornava casa, con il sacco pieno, contò di aver raccolto 200 ricci, perciò invitò tutti i suoi amici per far loro assaggiare le castagne.

Prima che la serata iniziasse, chiese al fratello minore di sgusciare i ricci, aprire le castagne e metterle sul fuoco, mentre lui preparava la serata. Il fratello più piccolo in poco meno di 30 minuti preparò tutto e iniziò a cucinare le castagne.

Quando gli amici del fratello più grande iniziarono ad arrivare, il più piccolo era seduto di fronte al camino che cuoceva sulla brace le castagne, usando una grande padella. Quando arrivarono tutti gli amici, le castagne terminarono in pochissimi minuti, prima di quanto il fratello maggiore avesse previsto.

– Cosa hai combinato? Cosa hai fatto con le altre castagne?! – Esclamò arrabbiato il fratello grande verso il più piccolo- C’erano almeno 600 castagne! Siamo in 20. Avrebbero dovuto esserci almeno 30 castagne per ognuno, invece sono finite subito. E io nemmeno le ho assaggiate!

– Le ho preparate tutte, come mi hai chiesto! – rispose il fratello più piccolo.-Come fai a dire che erano 600 castagne?! Io ne ho contate meno di 200.

– Non è possibile! –disse il fratello maggiore– Erano ricci da tre castagne. Non li ho aperti tutti ma erano tutti uguali e il primo, che è quello che ho aperto, aveva  tre castagne!

– Mi dispiace -disse il piccolo- ma, se tu avessi aperto anche gli altri 199 ricci ti saresti accorto che solo pochissimi contenevano 3 castagne; qualcuno conteneva 2 castagne; la maggior parte ne conteneva solo una; c’erano anche ricci vuoti e altri che contenevano una castagna marcia!”

Il maggiore dei due fratelli rimase a bocca aperta, riflettendo sul suo errore, cercando le parole da rivolgere ai suoi invitati delusi, per scusarsi con loro.

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Tu non sei solo la persona che in precedenza hai deciso di essere, ma quella che scegli di essere oggi.

Dr. Wayne W. DyerDr. Wayne W. DyerLe tue zone erronee

 

Tutto normale il prossimo natale (2021)

Tutto normale il prossimo natale (2021)

Tra un mese è Natale e, siccome io amo il Natale ho iniziato a guardarmi i film di Natale di quest’anno con un film Brasiliano, Tutto normale il prossimo Natale, un film sullo spirito del Natale, particolare, che ha incantato persino me che non amo la comicità brasiliana.

l’ordine delle cose

l’ordine delle cose

Dicono che c’era una volta un uomo molto saggio a cui tutti andavano a chiedere consiglio e parole di conforto per ogni occassione. Dicono che una volta uno dei signori più ricchi del luogo gli chiese una frase importante per conmemorare la nascita del suo primo nipote.

La tua parola è una bacchetta magica (1927)

La tua parola è una bacchetta magica (1927)

Questa settimana, ho letto un’altro libro di Florence Scovel Shinn, questa volta ho letto La tua parola è una bacchetta magica, un po’ come il gioco della vita, un compendio di rifflessioni, affermazioni e storie sulla legge di attrazione e il New Thought.