Un sacco di castagne

15 Nov 21

Dicono che c’erano una volta due fratelli che he vivevano in campagna con la loro famiglia. Il più grande, un giorno, decise di andare a raccogliere delle castagne. Quando vide che i primi ricci erano molto grossi e ne aprì uno e vide che c’erano tre castagne pensò di essere molto fortunato.

Si mise i guanti per non pungersi, aprì il suo sacco di tela ed iniziò a riempirlo di ricci di castagna. Mentre tornava casa, con il sacco pieno, contò di aver raccolto 200 ricci, perciò invitò tutti i suoi amici per far loro assaggiare le castagne.

Prima che la serata iniziasse, chiese al fratello minore di sgusciare i ricci, aprire le castagne e metterle sul fuoco, mentre lui preparava la serata. Il fratello più piccolo in poco meno di 30 minuti preparò tutto e iniziò a cucinare le castagne.

Quando gli amici del fratello più grande iniziarono ad arrivare, il più piccolo era seduto di fronte al camino che cuoceva sulla brace le castagne, usando una grande padella. Quando arrivarono tutti gli amici, le castagne terminarono in pochissimi minuti, prima di quanto il fratello maggiore avesse previsto.

– Cosa hai combinato? Cosa hai fatto con le altre castagne?! – Esclamò arrabbiato il fratello grande verso il più piccolo- C’erano almeno 600 castagne! Siamo in 20. Avrebbero dovuto esserci almeno 30 castagne per ognuno, invece sono finite subito. E io nemmeno le ho assaggiate!

– Le ho preparate tutte, come mi hai chiesto! – rispose il fratello più piccolo.-Come fai a dire che erano 600 castagne?! Io ne ho contate meno di 200.

– Non è possibile! –disse il fratello maggiore– Erano ricci da tre castagne. Non li ho aperti tutti ma erano tutti uguali e il primo, che è quello che ho aperto, aveva  tre castagne!

– Mi dispiace -disse il piccolo- ma, se tu avessi aperto anche gli altri 199 ricci ti saresti accorto che solo pochissimi contenevano 3 castagne; qualcuno conteneva 2 castagne; la maggior parte ne conteneva solo una; c’erano anche ricci vuoti e altri che contenevano una castagna marcia!”

Il maggiore dei due fratelli rimase a bocca aperta, riflettendo sul suo errore, cercando le parole da rivolgere ai suoi invitati delusi, per scusarsi con loro.

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Praticate la gentilezza verso voi stessi e gli altri ogni volta che vi è possibile. Desistete dal bisogno di aver ragione e di vincere e optate invece per essere gentili: ben presto conoscerete la gioia della pace interiore.

Wayne W DyerWayne W DyerInventarsi la vita

 

Aspettando i soccorsi

Aspettando i soccorsi

Dicono che c’era una volta una miniera in cui ci fu un crollo che lasciò isolati sei minatori che lavoravano in una galleria molto profonda estraendo minerali dalle viscere della Terra. L’uscita del tunnel era sigillata. Si guardarono l’un l’altro in silenzio, valutando la situazione.

Fake news: sicuri che sia falso? (2018)

Fake news: sicuri che sia falso? (2018)

Quando mi chiedono perchè parlo di plandemia e rispondo che non mi convince la narrativa, è dovuto anche a che ho letto libri come questo Fake news: sicuri che sia falso? Gestire disinformazione, false notizie e conoscenza deformata, di Andrea Fontana, che mi hanno insegnato a vedere in maniera diversa le notizie.

Encanto (2021)

Encanto (2021)

Per la settimana del mio compleanno voglio parlarvi dell’ultimo film Disney che ho visto, Encanto, un film ambientato nella bellissima Colombia, che parla di una famiglia speciale e magica, in cui ogni membro riceve un dono all’età di cinque anni, tranne Mirabel, che non ha avuto quella fortuna.