Un Corso in Miracoli… Semplice (2015)

05 Dec 21

Questa settimana, ho letto un libro molto interessante scritto da Alan Cohen, un autore che mi piace molto, di quelli che parlano possitivo come piace a me, Un corso in miracoli… semplice, un approfondimento molto interessante sul messaggio del libro di ucim.

Scritto da una persona che vive e insegna il corso, questo libro è pensato per essere di aiuto sia a chi il libro l’ha letto ma li sono rimasti dei dubbi, che per coloro che l’hanno iniziato e poi abbandonato perchè troppo difficile, complicato o surreale.

Partendo da una introduzione al corso, in cui narra della sua origine, dello spirito con cui è stato scritto, della composizione dell’opera e delle modalità di studio previste, passa a rispondere domande che gli sono state poste negli anni, da persone che hanno avuto problemi con tutto o alcune parti del testo.

Dedica un capitolo bellissimo alla metafora della cornice e il quadro, per parlare di come nel mondo d’oggi molti siano affascinati soltanto dal mondo materiale, dalle apparenze, dalla superficialità (cornice) che ci impedisce di entrare in contatto con quello che siamo realmente, con quella che sarebbe la nostra essenza, quella che sarebbe la nostra individualità più sacra.

Un’altro capitolo che mi è piaciuto molto è quello in cui parla delle relazioni sante e quelle speciali. Leggendo il libro Un corso in miracoli, molti potrebbero pensare che tutte le relazioni che escludono altri sono speciali, qualsiasi coppia, amicizia stretta, ecc. Cohen ci spiega che non è così, che la differenza fra la relazione speciale e quella santa è che nella prima scelgo chi mi completi e nella seconda uno specchio con cui capire meglio chi sono e cosa mi manca.

Ma il mio preferito è quello in cui parla della morte, che secondo il corso non esiste, e spiega meglio cosa vuol dire questa affermazione.

L’avete letto? Vi è piaciuto? Raccontatemi la vostra esperienza con il libro… vi va?

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Una risposta è il tratto di strada che ti sei lasciato alle spalle. Solo una domanda può puntare oltre.

Jostein GaarderJostein GaarderC'è nessuno?

 

Aspettando i soccorsi

Aspettando i soccorsi

Dicono che c’era una volta una miniera in cui ci fu un crollo che lasciò isolati sei minatori che lavoravano in una galleria molto profonda estraendo minerali dalle viscere della Terra. L’uscita del tunnel era sigillata. Si guardarono l’un l’altro in silenzio, valutando la situazione.

Fake news: sicuri che sia falso? (2018)

Fake news: sicuri che sia falso? (2018)

Quando mi chiedono perchè parlo di plandemia e rispondo che non mi convince la narrativa, è dovuto anche a che ho letto libri come questo Fake news: sicuri che sia falso? Gestire disinformazione, false notizie e conoscenza deformata, di Andrea Fontana, che mi hanno insegnato a vedere in maniera diversa le notizie.

Encanto (2021)

Encanto (2021)

Per la settimana del mio compleanno voglio parlarvi dell’ultimo film Disney che ho visto, Encanto, un film ambientato nella bellissima Colombia, che parla di una famiglia speciale e magica, in cui ogni membro riceve un dono all’età di cinque anni, tranne Mirabel, che non ha avuto quella fortuna.