un campo di lamponi

Dicono che c’era una volta un gruppo di ragazzi che, ogni anno, cercava un luogo per fare una settimana di campeggio in una delle valli che circondavano la loro città. Un estate, per caso, trovarono un posto fantastico vicino ad un campo di lamponi.

Di giorno c’erano il proprietario e il suo cane a custodiare il campo, ma di notte non c’era nessuno. La prima notte andarono e fecero una scorpacciata di lamponi, erano più gustosi appena raccolti e dolci al punto giusto. Siccome erano in quattro, mangiarono quasi tutti i lamponi dell’albero più vicino all’ingresso.

Quando lo scoprì il giorno dopo, il proprietario del campo decise di gestire la situazione in maniera alternativa. Cercò il loro campeggio e andò a trovarli con un cesto di lamponi.

Quando i ragazzi si svegliarono e videro il contadino seduto vicino a quello che rimaneva del loro fuoco per iniziare si spaventarono. Ma poi videro che non aveva nessun arma, che aveva solo un enorme cesto di lamponi.

– Ragazzi – disse – siccome ho visto che vi piacciono i miei lamponi ho pensato di portarvi un bel cesto perché possiate fare colazione. Li ho raccolti per voi, quando sono più maturi sono più buoni ma non duranno molto. Mi dispiace non poter lasciarvi il cesto, mi serve, ma posso aspettare che lo finiate.

I ragazzi si guardarono stupiti ma, sembrava sincero, e il ricordo del gusto dei lamponi era così delizioso che si lanciarono sulla cesta senza esitazione. Il contadino gli guardava sorridente.

I primi lamponi furono deliziosi come quelli della sera precedente, ma dopo un po’ i loro stomaci erano pieni e iniziarono a sentire un terribile mal di pancia. Non potevano smettere di mangiarli con il contadino che li guardava sempre sorridente. Quando, con molta fatica, riucirono a mangiarli tutti salutarono il contadino e corsero a cercare un posto dove scaricarsi. Si dice che non abbiano mangiato più lamponi e che qualcuno sia persino diventato allergico.

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Non puoi evitare che tristezza e paura ti volino attorno; quello che puoi evitare è che si costruiscano un nido nella tua testa.

 

bambini cresciuti

bambini cresciuti

Ieri, durante la cena, mi sono riferita a una persona come ad uno dei miei “maestri” e mia figlia mi ha detto qualcosa tipo “non credo che tu possa imparare molto da certe persone, non vorrei che diventassi come loro”. Il commento mi ha fatto sorridere e mi ha ispirato questo post su cosa intendo con la parola maestro.

segnali

segnali

Quando dobbiamo fare una scelta importante, spesso ci troviamo a cercare da qualche parte un un segnale, una conferma, che ci dica che siamo nella strada giusta. A volte i segnali appaiono, altre no, ma noto che spesso il problema non è trovare il segnale, ma saperlo leggere.

la miniera di diamanti

la miniera di diamanti

Dicono che c’era una volta un giovane molto povero che aveva un sogno scoprire una miniera di diamanti e diventare molto ricco. Viveva con i suoi genitori molto anziani in un una vecchia casa in mezzo ai campi.