tutte le strade portano a Roma

16 Feb 21

Spesso mi capita di parlare con delle persone che si lamentano con me del proprio percorso, di quanto sia difficile, complicato, pieno di problemi, o di quanto sembri più facile quello degli altri, come se ci fossero percorsi giusti e sbagliati.

Infatti, spesso ci facciamo un idea, una aspettativa, di come dovrebbe essere il percorso per raggiungere un obiettivo, o anche il percorso di una vita, e quando non è così ci sentiamo sbagliati, persi, inadeguati…

Se, arrivati ad un certo punto, ad una certa età, ad un certo numero di tentativi, non abbiamo ancora raggiunto quel che, secondo il piano, avremo dovuto raggiungere, molti ci accuseranno, tra le altre cose, di non esserci impegnati abbastanza, ma non sempre è così, anzi: spesso l’impegno non c’entra nulla.

La buona notizia è che tutte le strade portano a Roma, anche se poi poche sono dritte, lisce e corte.

Il mio invito possitivo di oggi è proprio ad accettare che ci sono degli imprevvisti, che le strade possono essere lisce per un po’ ma prima o poi deviano, che abbiamo mille possibilità e che, ovunque noi siamo, c’è una possibile strada che ci porta dove vogliamo andarese impariamo a definirlo nel modo giusto.

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published.

Una risposta non merita mai un inchino: per quanto intelligente e giusta ci possa sembrare, non dobbiamo mai inchinarci a una risposta.

Jostein GaarderJostein GaarderC'è nessuno?

 

Il filo invisibile (2022)

Il filo invisibile (2022)

Questa settimana ho visto un film italiano, molto nuovo e che parla di temi nuovi, come l’omogenitorialità, le famiglie arcobaleno, le madri portatrici, insieme ai temi di sempre, gli adolescenti, i problemi dentro e fuori la famiglia, ecc. Si chiama Il filo invisibile e mi è piaciuto molto.

Little Miss Sunshine (2006)

Little Miss Sunshine (2006)

Oggi ho visto di nuovo Little Miss Sunshine, uno di quei film che posso vedere una volta ogni tanto e mi fa commuovere sempre. La storia di una bambina di sette anni con un sogno, diventare reginetta di bellezza, ignorando ingenuamente che il suo aspetto non rientri nei canoni di bellezza richiesti.