Trust (2010)

13 Apr 22

Questa settimana voglio parlarvi di un film del 2010 che ho visto qualche giorno fa, Trust, una brutta storia sui pericoli che nasconde internet, come finestra nella quale chiunque si può nascondere dietro un nome e una storia falsa e su cosa può succedere quando la verità viene fuori.

Racconta la storia di una ragazzina che riceve come regalo di natale un pc con cui inizia a chattare con un ragazzo della sua età, con cui si sente proprio a suo agio, e se ne innamora. Poi, quando lo incontra viene fuori che è un uomo dell’età di suo padre, un pedofilo che si approfitta di lei e poi sparisce.

Una storia con tanti personaggi complessi, la ragazzina che, pur di non ammettere di essere stata raggirata e violentata, lo difende fino all’ultimo; il padre che vorrebbe uccidere quell’uomo solo perchè si sente in colpa per non aver saputo proteggerla; l’amico che dice che “sarebbe potuto essere peggio”…

L’avete visto? Se si, ditemi cosa vi ha colpito, se no… è un po’ forte ma credo valga la pena, guardatelo e ditemi la vostra opinione, vi va?

p.s. Non ho trovato il trailer in italiano ma vi lascio quello in inglese…

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Dr. Wayne W. DyerDr. Wayne W. DyerLe tue zone erronee

Quelli che riconoscono che i problemi fanno parte della condizione umana, e che non misurano la felicità dall'assenza di problemi, sono gli esseri più intelligenti che si conoscano, e sono anche i più rari.

rimedio contro la morte

rimedio contro la morte

Dicono che c’era una volta, all’epoca del Buddha, una donna a cui morì il suo unico figlio. La donna era disperata, non riusciva a lasciare che lo seppellissero, convinta che ci fosse un errore, il giorno prima stava bene e quello dopo non si era svegliato.

Colleziona attimi di altissimo splendore (2023)

Colleziona attimi di altissimo splendore (2023)

Questa settimana è uscito l’ultimo libro di Paolo Borzacchiello, scritto a quattro mani con Paolo Stella del affascinante titolo Colleziona attimi di altissimo splendore e io, chiaramente, l’ho preso e letto appena uscito, ancora caldo di stampa e me lo sono goduto splendidamente.

S come sfortuna e sfida

S come sfortuna e sfida

Un’altra parola molto importante per il Vocabolario possitivo che abbiamo raccolto insieme nei nostri incontri facciamo pace, laboratorio di inmunosuficienza psicologica, è sfortuna, sfiga, sventura. È una parola da evitare perchè è una trapola in cui nasconderci quando non vogliamo cambiare.