troppi soldi

Dicono che c’era una volta un artigiano molto noto nella sua città. Un pomeriggio, mentre spiegava il mestiere al suo apprendista, arrivò un cliente, chiese un preventivo per un lavoro e, quando sentì il prezzo, disse “mi sembrano un po’ troppi soldi per un lavoro così piccolo”…

– Dici che 3000€ ti sembra troppo? – chiese sereno – Quanto pensavi che ti sarebbe costato?
– Per questo lavoro? Al massimo 500 € o gratis, – rispose il cliente – è un lavoro veloce, no?
– Guarda, per 500 € ti invito a farlo da solo…
– Ma io non lo so fare!
– Non ti preoccupare, per 500 € ti insegno, come sto insegnando a lui – disse indicando l’apprendista – così oltre a risparmiarti 2.500€, avrai la conoscenza per la prossima volta che ti serve.
– Ok, mi sembra giusto – disse il cliente.
– Di seguito – continuò l’artigiano – ti faccio sapere cosa ti servirà per iniziare: hai bisogno di strumenti: almeno un paio di macchine, forbici, tavolo da taglio, nastro, ecc ecc…
– Ma io non ho tutti questi elementi e non compro tutto questo per un solo lavoro – protestò il cliente.
– Non ti preoccupare, per 500 € in più ti affitto le mie cose, così puoi farlo. Con 1000€ te la cavi. Ti aspetto venerdì per iniziare a fare il lavoro.
– Ma io venerdì non posso, ho tempo solo oggi.
– Ma oggi non ho tempo io e, come puoi vedere, le mie cose sono già impegnate in altri progetti. In più devi ancora comprare i materiali di cui hai bisogno…
– Oh, no… Ce li hai tu? Puoi vendermi i tuoi materiali?
– Va bene. Solo perché voglio che tu veda le cose come sono, ti venderò il mio materiale in stock. Ma devi essere molto puntuale perché ho molti lavori da consegnare. Ti aspetto domani alle 5 del mattino per iniziare con il tuo lavoro.
– Sai cosa? È troppo presto. Ti do i 3.000 €, facendo bene i conti, non mi sembrano più troppi soldi.
Quando il cliente andò via, l’artigiano si girò verso il suo  apprendista che lo guardava stupito e gli disse:
– Noi non ci facciamo pagare solo per fare un lavoro. Il prezzo include anche tutti gli investimenti in conoscenze, esperienza, studio, utensili, strumenti, servizi, tempo, responsabilità, garanzia, brevetti, tasse, IVA, sicurezza sociale per i dipendenti, uffici e cantine, trasporti e altro di cui ogni attività legalmente stabilita ha bisogno.
Nessuno può denigrare il lavoro di nessuno mettendo il prezzo che gli pare, né sminuendo il suo lavoro.

 

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Terzo accordo: Non supporre nulla. Il modo per evitare di fare supposizioni è quello di fare domande. Assicuratevi che la comunicazione sia chiara. Se non capite, chiedete.

Don Miguel RuizDon Miguel RuizI Quattro Accordi

 

Words and Pictures (2013)

Words and Pictures (2013)

Questa settimana ho letto su facebook che qualcuno aveva visto Words and Pictures, con Clive Owen e Juliette Binoche, e mi sono incuriosita, l’ho visto su rayplay e mi è proprio piaciuto. Un film che fa riflettere sull’importanza delle parole e delle immagini.

la bestia è in noi

la bestia è in noi

Molti, quando parlo della bestia, si irrigidiscono e dicono “io non sono una bestia, io sono una persona educata”, martedì al nostro prossimo incontro di facciamo pace, laboratorio di inmunosuficienza psicologica, vedremo come in realtà la bestia è un archetipo che si può trovare in ognuno di noi.

confusione di ruoli

confusione di ruoli

Una delle cause più importanti, secondo la mia esperienza personale e come coach la più importante in assoluto, della maggior parte dei problemi relazionali che troviamo in tutti i nostri rapporti è quella che possiamo chiamare “la confusione di ruoli”.

la stessa storia

la stessa storia

Dicono che c’era una volta un maestro che fu scelto per fare un discorso ai nuovi ragazzi appena arrivati nel monastero. Erano giovani e ancora molto condizionati dal mondo esterno e dalle credenze con cui erano cresciuti perciò era una grande responsabilità.