Trascendence (2014)

S iccome durante la quarantena molti abbiamo detto che l’unica cosa buona era avere la tecnologia, perciò oggi ho guardato Trascendence, un film con Johnny Depp e Morgan Freeman sui pericoli dello sviluppo delle tecnologie e dell’intelligenza artificiale.

Il film inizia con un futuro senza tecnologia nè elettricità, e torna indietro di cinque anni per scoprire come si è arrivati a quello stato. C’era un geniale ricercatore nel campo dell’intelligenza artificiale che stava lavorando per creare una singolarità tecnologica, una macchina che potesse combinare l’intelligenza collettiva di tutto quello che è conosciuto con l’intera gamma delle emozioni umane.

Ma quando racconta i suoi progetti spaventa molti che credono che non dovremmo giocare ad essere Dio, terroristi anti-tecnologici che finiscono per sparargli e ucciderlo. Prima di morire, sua moglie lo “carica” sul suo progetto, risolvendo così tutti i problemi che aveva la creazione da zero. Alla fine, sfruttando la sua intelligenza umana e le potenzialità legate all’essere diventato artificiale riesce a creare qualcosa di mai immaginato, che riesce a rigenerarsi e a collegare gli individui come fossero uno solo quando serve. Creando degli esseri umani più evoluti. Ma… a quelli meno evoluti questo fa tanta paura di decidere di rinunciare alla vita come la conoscono.

Veramente bello, se non l’avete visto, ve lo consiglio…

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

1) Il maggior freno al cambiamento è in noi stessi...
2) Le cose non migliorano se non cambi te stesso...
3) C’è sempre nuovo formaggio là fuori, che tu ci creda o no...

 

Cio che dai ritorna sempre

Cio che dai ritorna sempre

Dicono che c’era una volta un contadino tibetano che bussò alla porta del vicino monastero. Come di prassi, le porte vennero aperte dal monaco responsabile di accogliere le visite. Il contadino senza troppi convenevoli, porse in regalo al giovane monaco alcuni grappoli d’uva.

Guerrieri metropolitani (2015)

Guerrieri metropolitani (2015)

Questa settimana, ho letto Guerrieri metropolitani. Combattere fuori per vincere dentro. La filosofia degli sport da combattimento di Salvatore Brizzi, e mi è piaciuto molto come parla dell’EGO e del qui e ora, di come si possono gestire in ogni situazione.

the manor (2021)

the manor (2021)

Questa settimana ho visto, questa volta su prime video, un film americano molto particolare, The Manor. Un thriller ambientato nei nostri giorni, che mischia momenti di vita normale e reale e una storia paranormale con un finale che non avevo mai visto.