Torno indietro e cambio tutto (2015)

Oggi voglio parlarvi di un’altra commedia italiana vista su amazon premiun, Torno indietro e cambio tutto, con Raoul Bova, che racconta la storia di due amici che, insoddisfatti delle proprie vite, sperano di tornare indietro di vent’anni…

Uno è stato appena lasciato dalla moglie e l’altro, che non si è mai sposato, ha una mamma alcolizzata e triste da quando suo padre li ha lasciati anni prima. Così fino a quando, dopo essere investiti da una macchina si ritrovano indietro nel tempo, nel cortile del loro liceo nel 1990 e cercano dinon fare gli stessi errori.

Uno si propone di vivere con più coraggio, di essere piú propositivo e togliersi delle soddisfazioni, e l’altro di non risposare la moglie, così da evitare di finire lasciato.

Quello che mi è piaciuto di più è che, con il senno di poi, sapendo cose che non sapevano, possono osservare meglio, comprendere meglio, loro stessi e chi li sta attorno.

Finale particolare, ancora meno realistico del viaggio nel tempo che si sarebbe potuto risolvere dicendo che era stato tutto solo un sogno. Molto carino, ve lo consiglio e sono curiosa di sapere cosa vi ispira.

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Vecchie convinzioni non ti portano a nuovo formaggio

 

I lunedì al sole (2002)

I lunedì al sole (2002)

Questa settimana, in questo clima di desunione che sembra stia toccando picchi molto forti, mi sono guardata I lunedì al sole, un film spagnolo che parla di un paese distrutto da una crisi economica settoriale.

chiusi dentro

chiusi dentro

La settimana prossima, all’incontro di facciamo pace, laboratorio di inmunosuficienza psicologica, per la prima volta online, parleremo di come ci fa sentire questo clima di chiusura, física e mentale che ci sta avvolgendo sempre di più.

si salvi chi può

si salvi chi può

In questi giorni di DCPM e misure anti COVID, di gente che ci crede e gente che continua a fare domande, in cui tanti accusano gli altri di essere i colpevoli di questa situazione, l’unica cosa chiara che riesco a tratte è che siamo al “si salvi chi può”.