Toc Toc (2017)

30 Aug 18

Oggi voglio parlarvi dell’ultimo film spagnolo che ho visto su Netflix, Toc toc. Una storia adattata dal teatro in cui un gruppo di  pazienti di un famosissimo psicologo si trovano insieme in una sala d’attesa ad aspettare il dottore ritardatario. Ognuno con un disturbo simile anche se diverso, alcuni persino apparentemente incompatibili, che creano una serie di scene tra il divertente e il disperato.

I protagonisti sono un uomo con la sindrome di Tourette, una giovane germofobica, una donna dislessica con la mania di controllare tutto mille volte, un accumulatore compulsivo con una smisurata passione per i numeri e i conteggi e altri due ognuno con una ossesione sempre più “strana”. Tutti con una cosa in comune, la sensazione di stare perdendo la vita in balia delle loro compulsioni.

Siccome tutti hanno avuto appuntamento allo stesso orario per un errore informatico e il dottore non arriva per un ritardo nel suo volo da Londra, su suggerimento dell’assistente decidono di presentarsi e cercare di aiutarsi l’un l’altro.

Ho riso di cuore ogni volta (l’ho visto due volte in due giorni con persone diverse) e ho amato ogni istante e ogni personaggio, con quanto erano esagerati e allo stesso tempo mi sembravano così credibili, così familiari, così umani, così fragili, così disperati e desiderosi di curarsi…

Ma io, che organizzo gruppi di mutuo aiuto e credo fortemente nella loro utilità, quello che ho amato di più è quello che sono riusciti a fare senza lo psicologo, senza un esperto che guidassi loro, come una squadra di origine “naturale”, in cui ognuno apportava nozioni accumulate nel tempo e nei precedenti tentativi.

Lo avete visto? Vi è piaciuto? Se no, ve lo consiglio…

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published.

Primo accordo: Sii impeccabile con la parola. La parola è potente. Usatela nel modo giusto, usatela per condividere l’amore. Usate la magia bianca con tutti, cominciando da voi stessi.

Don Miguel RuizDon Miguel RuizI Quattro Accordi

 

Il filo invisibile (2022)

Il filo invisibile (2022)

Questa settimana ho visto un film italiano, molto nuovo e che parla di temi nuovi, come l’omogenitorialità, le famiglie arcobaleno, le madri portatrici, insieme ai temi di sempre, gli adolescenti, i problemi dentro e fuori la famiglia, ecc. Si chiama Il filo invisibile e mi è piaciuto molto.

a come a — bis — — bis — bis

a come a — bis — — bis — bis

Un’altra parola molto importante per il Vocabolario possitivo che stiamo raccogliendo insieme nei nostri incontri facciamo pace, laboratorio di inmunosuficienza psicologica, è astrologia, dal momento che parliamo spesso delle diverse voci che abbiamo nella testa e l’astrologia psicologica può aiutarci a capirle e integrarle.

Little Miss Sunshine (2006)

Little Miss Sunshine (2006)

Oggi ho visto di nuovo Little Miss Sunshine, uno di quei film che posso vedere una volta ogni tanto e mi fa commuovere sempre. La storia di una bambina di sette anni con un sogno, diventare reginetta di bellezza, ignorando ingenuamente che il suo aspetto non rientri nei canoni di bellezza richiesti.

Joan Lui (1985)

Joan Lui (1985)

Oggi voglio parlarvi di un film molto particolare, italiano, vecchio, e molto discusso, criticato da alcuni e ammirato da altri, e che io ho adorato: Joan Lui, Ma un giorno nel paese arrivo io di lunedì, con un Adriano Celentano megalomane e divino.

Basta con queste ca**ate (2020)

Basta con queste ca**ate (2020)

Questa settimana voglio parlarvi del secondo libro Gary John Bishop che ho trovato, Basta con queste ca**ate. Come smettere di raccontarsi palle e godersi di più la vita, un invito a scoprire i tre pensieri che ci sabottano dal profondo del nostro inconscio e come sconfingerli.