Tienilo acceso (2018)

Questa settimana voglio parlarvi di un’altro libro di linguistica di Vera Gheno: Tienilo acceso, dedicato a Internet e i social, in cui ci spiega con una semplicità meravigliosa cosa vuol dire e come gestire al meglio la nostra immagine online.

Un tentativo di rispondere ad alcune domande: dal come mai pare così difficile capirsi, quando si è in rete, connessi, anzi, iperconnessi? Come mai la comunicazione deraglia così facilmente? Come fare per vivere felici e connessi?

Diviso in quattro parti, la prima è dedicata a come il mondo del web ha dato nuovo spazio e maggiore risonanza a sentimenti vecchi come l’odio, l’invidia, e persino l’odio per se stessi. Niente di nuovo e niente di terribile, se ci abituiamo a fare attenzione per non cadere nelle loro trapole.

La seconda è dedicata al modo in cui parliamo di noi e spiega con chiarezza ed esempi l’importanza che ha quello che scriviamo, o non scriviamo, nel web sia per la durata che per la facilità di trasmissione e inoltro. Di nuovo, niente di pericoloso se pensiamo bene cosa scriviamo.

La terza è dedicata al modo in cui parliamo di ciò che succede, e ci spiega come fare attenzione a quello a cui prestiamo la nostra voce, invitandoci a controllare prima, tra le altre cose, la veridicità di ciò che sosteniamo.

La quarta e ultima parla di relazioni, di come parliamo con gli altri, delle differenze fra farlo offline e online, quelle che vengono fuori con un’analisi attenta che fanno soprattutto gli addetti ai lavori… ma che, quando parliamo di Internet, servirebbero un po’ a tutti.

L’avete letto? Raccontatemi la vostra esperienza con il libro… vi va?

0 Comments

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Terzo accordo: Non supporre nulla. Il modo per evitare di fare supposizioni è quello di fare domande. Assicuratevi che la comunicazione sia chiara. Se non capite, chiedete.

Don Miguel RuizDon Miguel RuizI Quattro Accordi

 

Cambio tutto (2020)

Cambio tutto (2020)

Oggi voglio tornare a parlare di una commedia italiana di quelle che amo, Cambio tutto, con Valentina Lodovini, Neri Marcorè, questa volta su amazon prime. Una donna troppo buona per dire quello che pensa, che arriva alla disperazione e cambia tutto dopo un’incontro con un terapeuta carismatico molto particolare.

la gente non cambia

la gente non cambia

Ci sono persone che pensano che la gente cambia e poi ci sono quelli che pensano che la gente non cambia, seguendo il mio adorato maestro Ái, io credo che hanno ragione entrambi. A volte la gente cambia, altre no. Ma quel che è sicuro è che nessuno può cambiare un’altro.

più facile

più facile

L’altro giorno ho portato la mia cagnolina a sterilizzare. Mia figlia voleva farle avere i cuccioli perciò non l’abbiamo fatto prima. Ma abbiamo deciso di farlo ora. È stato uns stimolo esterno che ha aperto la porta al demone della colpa.